sim card
“Viaggio” nel mondo della telefonia mobile vacanziera

La stagione turistica estiva è esplosa con qualche giorno di ritardo, ma ci siamo. La fuga verso la meta vacanziera è in agguato. E sempre con il fido smartphone con noi. Se l’idea di disconnetterci dalla tecnologia quando siamo all’estero sembra rilassante quanto allettante, lo stress di visitare un paese straniero senza una connessione Internet può contrastare rapidamente i vantaggi di una disintossicazione digitale.

Dopo l’atterraggio in un luogo sconosciuto,è facile sentirsi spaesati e cercare il supporto di mappe e GPS. Affidarsi ad una comune guida turistica stampata può contribuire a farci sentire “primitivi”, sebbene sia il metodo innegabilmente più consono.

Quindi, cosa fare? Ci sono due modi per portare il nostro smartphone con noi e avere un traffico dati senza spendere troppo (in attesa che il roaming sia definitivamente abolito). Il metodo poco costoso coinvolge alcuni ritocchi e pianificazioni per il futuro, mentre la via a prezzo pieno è facile, ma richiede di pagare un surplus.

In primo luogo, l’opzione a prezzo pieno. Per molti anni, i clienti wireless hanno dovuto pagare un extra per avere un supporto per il roaming internazionale o la possibilità di utilizzare senza problemi una rete estera. Tra le altre opzioni, pacchetti internazionali con una modesta quantità di dati, a velocità alterne tra lentezza estenuante o efficacia. Per i viaggiatori “frugali”, invece, ci sono alcune alternative intelligenti se sono disposti a fare un po’ di “compiti a casa”. Per ottenere un buon affare in termini di traffico, è bene portare uno smartphone “sbloccato”, ovvero un telefono non limitato ad essere usato con un solo operatore, andare in negozio di un vettore straniero e acquistare un pacchetto di dati da inserire nella propria SIM card. Sì, avete capito bene, sono quelle che nel gergo del settore wireless sono chiamate schede SIM internazionali prepagate. Ancora meglio, alcuni operatori consentono di ordinare una SIM card prima di partire.

Ecco una guida per portare smartphone all’estero, e a buon mercato. Vi proponiamo cinque destinazioni di viaggio popolari: Cina, Giappone, Gran Bretagna, Francia e Spagna. Ma il discorso può essere esteso a tutte le altre mete.

Innanzitutto, per usare la carta SIM di un operatore straniero, di solito si deve sbloccare il proprio smartphone o acquistare un telefono sbloccato a buon mercato. In genere, quando si acquista un nuovo smartphone, questi viene bloccato in modo da poter utilizzarlo con un unico vettore. Il processo di sblocco di ciascun operatore può essere trovato on-line con una semplice ricerca sul web. Ci si può rivolgere al servizio clienti del nostro operatore o quello estero. Ci sono anche alcuni di questi, come l’americana T-Mobile che offre un’app per gli utenti Android per richiedere lo sblocco stesso. In alternativa, già detto, è possibile acquistare un telefono sbloccato a buon mercato.

Scaricare applicazioni per la messaggistica

Se finalmente abbiamo la nostra SIM card estera, si prevede di utilizzare un numero di telefono diverso da quello normale. Per semplificare, prendendo uno smartphone all’estero, si consiglia di ignorare i servizi di telefonia e di collaudo tradizionali e affidarsi ai servizi di comunicazione liberi che si basano esclusivamente sulle connessioni dati. Ci sono molte applicazioni basate sullo scambio dati per la messaggistica e la chiamata. WhatsApp, ad esempio, il servizio di messaggistica acquisita da Facebook, è un servizio affidabile che può essere utilizzato in molti paesi per effettuare le chiamate telefoniche o inviare messaggi tramite una connessione dati. In Cina, l’app Wechat è molto popolare. Apple, dal canto suo, sul proprio iPhone include iMessage e FaceTime, cioè servizi per l’invio di messaggi e chiamate tramite connessione. Se qualcuno ci vuole contattare, dunque, basta avvisarli di usare uno di quei servizi.

Leggi anche:  Roaming gratis in Europa, l'iniziativa stenta a decollare tra gli utenti

Cina

Una volta “liberato” lo smartphone dalle restrizioni dell’operatore e scaricato un’app di messaggistica a nostro piacimento, è il momento di trovare un pacchetto di servizi per il posto verso cui si viaggia. Si raccomandano, ovviamente, servizi di acquisto da vettori ben noti in ogni paese perché sono più affidabili rispetto agli operatori off-brand. Per la Cina, le grandi compagnie sono China Mobile e China Unicom. Entrambi vendono un pacchetto nei propri store che comprende un gigabyte di dati per 20 dollari, abbastanza per un viaggio di due settimane. Per una visita più lunga, si potrebbe prendere in considerazione il pacchetto di due gigabyte offerto da entrambi gli operatori per 24,90 dollari. Se si desidera acquistare una carta SIM prima del viaggio, sul sito web di China Unicom è possibile ordinare la propria con a disposizione un gigabyte di dati per 25 dollari o due gigabyte per 35 dollari – e la possibilità di vedersela consegnata in hotel.

Giappone

In Giappone, ci si può affidare a ECONNECT. Questo operatore vende un pacchetto di un gigabyte che può essere utilizzato per 15 giorni al costo di 25,95 dollari. Per una visita più lunga, offre un pacchetto di tre gigabyte per 40,64 dollari, valida per 30 giorni. Inoltre, si può ordinare la carta SIM ECONNECT prima del tempo, sul sito web della società e pianificare una data di consegna presso il nostro hotel.

Francia

In Francia, Orange offre un pacchetto di due gigabyte presso i suoi negozi al costo di circa 35 euro. Questa è la sua più grande offerta in materia di traffico dati. Se si ordina on-line, Orange offre una “holiday” SIM card che comprende un gigabyte di dati 45 euro.

Spagna

In Spagna, Vodafone offre tre opzioni a basso costo. Il suo pacchetto di un gigabyte costa 15 euro, l’opzione da 1,5 gigabyte 20 euro, e l’opzione di due gigabyte 30. Ciascuno dei pacchetti funziona per 30 giorni. Consigliamo l’opzione di un gigabyte per un viaggio di una settimana, quello da 1,5 gigabyte per un viaggio di due/tre settimane e l’opzione a due gigabyte per quattro settimane visita.

Gran Bretagna

In Gran Bretagna, l’operatore EE offre una manciata di opzioni direttamente nei suoi negozi, tra cui un pacchetto di due gigabyte per 25 euro e uno di quattro gigabyte per 40 euro. Entrambi i piani sono validi per 30 giorni.

Consigli utili

Per le schede SIM straniere occorre fare alcune precisazioni. Se si viaggia in più paesi – ad esempio, Gran Bretagna, Francia e Spagna – avrete bisogno ovviamente di una SIM separata per ogni paese ed i costi si sommano rapidamente. In questo caso, è bene informarsi sul roaming internazionale dell’operatore scelto. Se invece non si hanno problemi di spese perchè magari si viaggia anche per lavoro, a disposizione ci sono i TravelPass per il roaming in oltre 100 paesi. Una bella opzione, anche se il costo non è sempre accessibile. In caso contrario, è possibile risparmiare un bel po’ di soldi acquistando in anticipo una SIM estera per ciascun paese che si intende visitare.