polizia_di_stato
La Polizia di Stato diventa tecnologica grazie a Safety Car

Safety Car è l’antidoto ai furti e alle rapine di auto, moto e autocarri. È la nuova operazione della Polizia di Stato, che cerca di scongiurare un fenomeno crescente. Coordinata dal Servizio Controllo del Territorio della Direzione Centrale Anticrimine, questa operazione si è articolata in tre giornate e in maniera del tutto orientata all’uso della tecnologia più sofisticata. Ma andiamo con ordine.

Le moderne tecnologie utilizzate fanno parte del sistema Mercurio. Queste sono state montate su circa mille autovetture della Polizia di Stato, grazie alle quali si è stati in grado di controllare un totale di 737.765 vetture con sistema automatizzato ed altre 258.466 con sistema manuale.

Il sistema, come detto, è automatizzato ed elettronico. Installato sui veicoli delle squadre mobili della Polizia di Stato, si presenta come un occhio elettronico in grado di scansionare le targhe delle auto che incrocia. Questo consente di verificare in tempo reale i dati sulle banche dati e permette di scoprire con estrema rapidità l’oggetto del furto e con un margine di errore inferiore al 10 per cento.

Anche la Polizia diStato, dunque, si affida alla tecnologia. I controlli complessivi di auto hanno setacciato tutto il territorio nazionale nel corso delle tre giornate consecutive durante le quali si è testata l’efficacia della Safety Car. Questa, inoltre, si è articolata anche in una fase di individuazione degli obiettivi delle Squadre Mobili mirata alla rilevazione delle impronte digitali o biologiche rilevate dentro le macchine rubate.

Da qui, alcuni dati statistici davvero interessanti. Tra le autovetture ritrovate risultano in maggior numero le FCA e le Renault, tra le moto le Aprilia. A livello geografico, invece, le città nelle quali si sono ottenuti i risultati migliori – in termini di numero, sono state Napoli, Milano, Roma e Bari.