SpotMini è il nuovo “cane robot” di Boston Dynamic società di Google che si occupa esclusivamente di robotica. In un video viene mostrato cosa è in grado di fare il piccolo robodog, come lo chiama la stessa azienda. Il primo robot silenzioso è mostrato in un video che ne mostra cosa è in gradi di fare.

La società di robotica è famosa per i suoi prototipi di un certo “peso” come AlphaDog, una sorta di mulo da soma testato dai Marines. È stato scartato perché troppo grande e troppo rumoroso, il rumore è uno dei problemi che Boston Dynamics deve affrontare e con il piccolo SpotMini sembra che siano molti i miglioramenti.

SpotMini, il robodog da appartamento

spotmini
Nessun robot è stato maltrattato durante le riprese

Non sporca, non ha bisogno di essere portato fuori per la passeggiata o per la socializzazione. Si può attivare e utilizzare solo quando serve, può aiutare nelle faccende di casa, ma attenti alle bucce di banana potrebbe scivolarci sopra. Nessuna paura SpotMini riesce a rialzarsi da solo grazie alla testa e al lungo collo di cui è dotato.

SpotMini è una nuova versione più piccola del robot Spot, del peso di 55 libbre (65 libbre se si include il suo braccio.) È completamente elettrico (non idraulico), questo ha permesso di ridurre il rumore, con una carica si riesce a coprire all’incirca un’ora e mezza, dipende molto dal suo utilizzo. Ha una varietà di sensori, tra cui telecamere di profondità, un giroscopio a stato solido (IMU) e sensori di propriocezione degli arti. Questi sensori aiutano con la navigazione e la gestione tramite cellulare.

SpotMini è in grado di eseguire alcuni compiti in modo autonomo, ma per un orientamento maggiore, ad esempio per passare sotto un tavolo oppure in spazi ristretti come quelli di una casa, serve l’intervento di un essere umano. Come si vede dal video è in grado di svolgere alcuni semplici compiti come buttare una lattina nella spazzatura o riporre un bicchiere nella lavastoviglie.

Compiti molto semplici all’apparenza, ma che hanno richiesto molti studi e prove. È un ottimo inizio per migliorare ulteriormente, l’era dei robot è sempre più vicina.