Android
Android, la guida per liberare ed aumentare la memoria dei propri dispositivi portatili

Android è il sistema operativo mobile più diffuso ed amato dagli utenti di tutto il mondo. Tuttavia, lo stesso è al centro di forti critiche a causa del fastidioso messaggio di memoria insufficiente. Con una semplice guida scopriremo come risolvere il problema e vivere al meglio l’esperienza utente.

Android, guida per aumentare la memoria del proprio dispositivo

Tanto per cominciare occorre conoscere la memoria a disposizione del nostro dispositivo. Per far ciò, dunque:

  • Rechiamoci in “Impostazioni/Generali/Memoria”;
  • Analizziamo la memoria a disposizione e quella occupata dai file e le applicazioni presenti nel sistema, al fine di comprendere quali sono i punti critici.

Una volta individuate le eventuali problematiche ecco come poter risolvere il problema relativo alla memoria insufficiente.

Android, aumentare la memoria a disposizione dell’utente tramite Micro-SD

Uno dei metodi più efficaci per aumentare la spazio a disposizione dell’utente Android e per eliminare, quindi, il fastidiosissimo messaggio di memoria insufficiente, è quello di espandere la stessa mediante una semplice card Micro-SD. Quest’ultima è acquistabile presso un qualsiasi centro commerciale ad un costo davvero esiguo. (ad es. con circa 6€ è possibile acquistare una memoria da 8 GB, con circa 11€ è possibile acquistarne una da 16 GB e con 20€ una da 32 GB). Una volta acquistata la memoria, infine, ci basterà trasferire i files più “pesanti” all’interno della stessa per completare la procedura.

Android, liberare memoria eliminando foto e video

Ogni buon utente Android sa benissimo che le foto ed i video occupano buona parte della memoria messa a disposizione sui dispositivi. Per far spazio, quindi, vi consigliamo di eliminare fotografie e video “inutili”, effettuando magari un backup degli stessi su servizi cloud, quali ad esempio “Google Drive”, “Dropbox”, “Box” o il servizio di cloud computing offerto gratuitamente dall’app galleria “Quickpic”.

In alternativa, è possibile ridurre la qualità dei files mediante programmi di compressione appositi per PC e smartphone, come ad esempio l’ottimo “FileMinimizer“, utilissimo per la riduzione del peso delle fotografie senza perdita di qualità, o un qualsiasi programma per la conversione video.

Android, liberare memoria eliminando musica

Altri elementi che spesso prosciugano la memoria dei dispositivi moderni sono le tracce audio musicali. Un semplice file in formato *.mp3, infatti, pesa in media circa 4 MB. È caldamente consigliato, di conseguenza, eliminare la musica che non si ascolta più o, meglio ancora, fare affidamento a servizi di streaming musicale, quali “Deezer” o “Spotify” (prestando comunque attenzione all’erosione del piano dati se non connessi ad una rete Wi-Fi).

Android, cancellare le applicazioni inutili

Spesso è volentieri il nostro dispositivi è ricco di applicativi inutilizzati dall’utente e che occupano preziosa memoria. Per meglio sfruttare le potenzialità del device, dunque, è consigliato disinstallare tutte le applicazioni considerate inutili, eliminando altresì tutti i dati e la memoria cache dedicata alle stesse.

Il trucco più grande per ottimizzare al massimo il nostro smartphone o il nostro tablet, comunque, consiste nell’effettuare una continua e costante manutenzione, evitando di appesantire il sistema con app o files inutili ed utilizzando magari programmi specifici volti a tale scopo (ad es. “Du Speed Booster” o “CC Cleaner”).