Samsung Galaxy A5
Samsung Galaxy A5 ed A7 hanno ricevuto l’aggiornamento ad Android 6.0 Marshmallow

Samsung Galaxy A5 (edizione 2016) e suo fratello maggiore Samsung Galaxy A7 (edizione 2015) hanno ottenuto, in queste ore, l’aggiornamento ufficiale ad Android 6.0 Marshmallow in tre Paesi: Russia, Serbia e Turchia.

Con l’arrivo imminente di Android N sul mercato globale dei sistemi operativi mobile, il gruppo sud-coreano ha deciso di impegnarsi seriamente nello sviluppo degli update ufficiali dei suoi terminali di punta. Dopo Google, dunque, anche Samsung si è mossa per fornire ai propri utenti la migliore e più attuale esperienza Android possibile.

Samsung Galaxy A5 (versione 2016), aggiornamento disponibile in 3 Paesi

Il primo dispositivo a ricevere l’aggiornamento è stato proprio Samsung Galaxy A5 nella sua versione del 2016 e secondo il blog informatico irlandese “GSMArena” i Paesi interessati sarebbero Russia, Serbia e Turchia. Italia per il momento esclusa dall’operazione, anche se si auspica che l’update possa divenire disponibile già a partire dalle prossime settimane.

Samsung Galaxy A7 (versione 2015), aggiornamento disponibile solo in Russia

Per quanto riguarda l’aggiornamento ad Android 6.0 Marshmallow di Samsung Galaxy A7 nella sua versione del 2015, invece, lo stesso è disponibile esclusivamente in Russia ed i tempi di attesa per un roll-out globale sembrano essere decisamente più lunghi.

In materia di innovazioni, infine, oltre al nuovo sistema operativo si può parlare delle tante nuove applicazioni offerte da Google, tra cui l’innovativo sistema “Doze” in grado di migliorare le performance di durata del device, o i nuovi sistemi di autorizzazione per l’utente e perfino una nuova e più ottimizzata interfaccia TouchWiz.

Agli utenti italiani, dunque, non resta che attendere e sperare in ulteriori notizie da parte di Samsung. Nel frattempo, a tutti coloro intenzionati ad aggiornare il proprio dispositivo, consigliamo di iniziare a liberare memoria (la procedura necessita di circa 1 GB) dallo stesso al fine di essere già pronti per un futuro aggiornamento.