Huawei
La società cinese, nonostante la crescente popolarità, non sta raggiungendo la gloria che si aspettava.

Il bilancio di Huawei inizialmente prevedeva una vendita di 160 milioni di unità per l’anno corrente. Gli analisti però ora hanno abbassato questa quota a “soli” 120 milioni. L’errore di marketing di Huawei sembrerebbe essere il prezzo economicamente poco abbordabile dei dispositivi di fascia più alta.

Prezzi troppo alti per i dispositivi Huawei

Huawei, la società cinese sempre più nota in tutto il mondo per i suoi dispositivi mobile, dovrebbe rivedere le sue strutture di vendita. L’azienda è attualmente in crescita, ma le previsioni per questo anno non sono più tanto rosee quanto si pensava fino a poco tempo fa. Appare infatti dalle analisi che i pezzi venduti saranno per quest’anno 40 milioni in meno rispetto alle stime effettuate nei precedenti mesi.

Huawei
P9 e P9 Plus sono tra gli smartphone attualmente più venduti sul mercato internazionale.

Ricordiamoci però che P9 e P9 Plus sono stati venduti in circa 3 milioni di unità esclusivamente nella settimana scorsa. In raffronto con le vendite di P8 nel passato anno, ammontano ad una percentuale del 130% di incremento.

Leggi anche:  Huawei conferma che Mate 10 verrà distribuito con Android Oreo

A cosa dobbiamo perciò questo calo nelle previsioni dell’azienda? Le statistiche dimostrano che la causa primaria dovrebbe essere il prezzo, apparentemente troppo alto, dei dispositivi top di gamma. Proprio i sopracitati P9 e P9 Plus sono venduti rispettivamente ai prezzi di 599€ e 749€, la medesima fascia di costo dei prodotti Samsung o HTC.

Per poter strappare una fetta della clientela ai suoi, più prestigiosi, rivali, Huawei dovrebbe forse adoperare una politica che incentivi gli acquisti proponendo pezzi a costo più basso rispetto alla concorrenza.