Bluetooth 5
Bluetooth 5 sarà presentato giovedì 16 giugno.

Bluetooth 5 sta per arrivare sugli smartphone di ultimissima generazione. Il nuovo standard delle connessioni wireless tra due o più dispositivi mobili sarà presentato al pubblico fra una settimana, esattamente il 16 giugno.

Bluetooth vive un’altra evoluzione. Dopo la tecnologia 4.2, l’ultima fino ad oggi apparsa nei device di ogni genere, sembra davvero giunto il momento dell’arrivo di quella successiva. Ed è così che il Bluetooth Special Interest Group (SIG) si è messo all’opera per raggiungere uno standard ancora più avanzato, in grado di migliorare l’esperienza degli utenti con i propri smartphone.

A fine 2015 era stato annunciato Bluetooth 5 e ora il suo arrivo è stato confermato da Mark Powell, il direttore esecutivo del SIG. Bisognerà attendere soltanto fino al 16 giugno per poter assistere alla presentazione di questa nuova tecnologia. Tutto sarà svelato nel corso di un grande evento mediatico che si terrà a Londra.

Le probabili novità di Bluetooth 5

Ma quali saranno le implementazioni dello standard 5 della connessione wireless tramite Bluetooth? Le sorprese riguarderanno la versione a basso consumo energetico, nota semplicemente con l’acronimo di Bluetooth LE.

Leggi anche:  Recensione EC Technology Mini Sound Share, condividi la musica con chi vuoi

Infatti, Bluetooth 5 sarà caratterizzato da un raddoppio della gamma di trasmissione, oltre ad una velocità di connessione che sarà di quattro volte superiore rispetto alla tecnologia precedente. I vertici del marchio hanno quindi scelto di pensare in grande e salire su uno step superiore.

A tutto questo, bisogna aggiungere che 5 implementerà nuove risorse per i propri futuri utenti. Ad esempio, saranno evolute le informazioni che riguardano la posizione e la navigazione di un qualsiasi utente, con servizi in grado di attrarre diversi possessori di smartphone e tablet.

Il pubblico dovrà attendere soltanto sette giorni prima di conoscere fino in fondo i segreti del nuovo standard di Bluetooth. Tuttavia, l’introduzione della tecnologia nei device di ultimissima generazione richiederà ancora alcuni mesi di attesa.