ricarica batteria smartphone

Il tuo dispositivo Android si ricarica troppo lentamente? Ecco alcuni consigli per ridurre i tempi!

La maggior parte degli ultimi smarphone di fascia alta dispone di tecnologia di ricarica rapida. I caricabatterie sono quasi tutti da 2A ed i tempi di ricarica si abbattono notevolmente. Questo perchè la capienza delle batterie è in costante aumento, per supportare display più risoluti e processori performanti.

Esistono però ancora migliaia di device entry level e medio di gamma, che non supportano le nuove tecnologie di ricarica. Anzi, spesso accade che i tempi siano eccessivamente lunghi. Con qualche piccolo accorgimento è possibile ridurre le attese necessarie perchè il proprio dispositivo sia carico.

Scegli sempre accessori di qualità

La qualità degli accessori, soprattutto del caricabatterie, è importantissima. Scegliendo caricatori scadenti, non solo i tempi di ricarica si allungano, ma c’è anche il rischio di esplosione.

Per verificare in qualsiasi momento la validità del vostro caricabatterie (presa e cavetto) potete usufruire dell’applicazione Ampere, che in brevissimo vi dirà effettivamente a quanti mAh state ricaricando lo smartphone.

Disattiva le forme di connettività che non ti servono

Spesso accade di dimenticare attivo il GPS oppure il Bluetooth, forme di connettività che ci servono solo in alcuni momenti. Quando ricarichiamo il nostro Android lasciandole attive, inevitabilmente i tempi aumentano, perchè si disperde energia.

La cosa migliore da fare è quindi quella di controllare rapidamente lo stato del device, eliminando quello che non ci serve. L’ideale sarebbe la modalità aereo (o addirittura lo spegnimento), ma non sempre è possibile attivarla.

LEGGI anche: lo smartphone non dovrebbe mai essere ricaricato di notte!

Evita dPi utilizzare il dispositivo quando lo ricarichi

Quando la batteria dello smartphone è in carica, evita se puoi di utilizzarlo. Ottimizzerai i tempi di ricarica perchè il display, principale fonte di consumo energetico, rimarrà spento.

Si tratta di piccoli accorgimenti, che possono essere utili anche a chi dispone di dispositivi con ricarica rapida. Quest’ultima, quando non serve e quando è possibile farlo, andrebbe disattivata perché nel lungo termine potrebbe ridurre la vita della batteria.