ZENFONE ZOOM UNBOXINGZenfone ZOOM, per Asus, può considerarsi una scommessa. Il primo phablet che può realmente definirsi un camera phone. Almeno sul foglio delle specifiche, soprattutto finché non l’avremo finito di testare.

La confezione di Zenfone ZOOM, presentato ufficialmente in Italia lo scorso marzo, è ricca di accessori. Design elegante, basato sul nero, e dimensioni contenute.

Al suo interno, oltre al phablet, c’è:

  • Caricabatterie da parete (2A);
  • Cavo con uscita microUSB;
  • Laccetto;
  • Flash magnetico esterno (ZenFlash);
  • Auricolari in-ear.

ZENFONE ZOOM UNBOXING[1]Una suite piuttosto completa, degna di un device non proprio economico. Zenfone ZOOM ha dimensioni piuttosto generose: 158.9×78.84×11.95 millimetri per un peso di 185 grammi. Il back panel rimovibile è in policarbonato ma, simula la trama della pelle. I laterali sono protetti da cornice metallica mentre sul display – pannello IPS LCD FullHD da 5,5″ – c’è un Gorilla Glass 4.

Le prime impressioni estetiche sono positive, il design non è stravolto rispetto ai precedenti Zenfone. Tuttavia, prendendo in mano il dispositivo ci si accorge immediatamente che il peso non è ben bilanciato. L’ampio comparto fotografico, presente sulla parte alta del posteriore, è più pesante degli altri componenti. Per questo motivo il dispositivo non è armonioso in mano.

A livello hardware, Zenfone ZOOM è ben equipaggiato:

  • Soc INTEL Atom Z3590 (quad core, 64 bit, 2.5 Ghz di massima frequenza);
  • 4GB di RAM;
  • 64GB di ROM espandibili tramite microSD;
  • batteria da 3000 mAh;
  • Camera principale da 13MP;
  • Camera secondaria da 5MP.
Leggi anche:  Asus presenta la gamma dei nuovi Zenfone 4 in Italia, anteprima e approfondimento

LEGGI anche: Zenfone Max, recensione completa

ZENFONE ZOOM UNBOXING[1]Il device è basato su Android Lollipop, versione 5.0. Al momento non è ancora arrivato l’aggiornamento a Marshmallow. In generale, Zenfone ZOOM sembra un device interessante, da scoprire.

A rendermi effettivamente perplessa è il prezzo, molto simile a quello di LG G5. Moduli a parte, il device coreano monta una delle migliori fotocamere in circolazione. Dopo un paio di scatti prova con il terminale Asus, mi sono accorta che difficilmente il camera phone potrà reggere il confronto con la concorrenza.