android n
Cosa attenderci dal prossimo Google I/O?

Attesi migliaia di sviluppatori da tutto il mondo allo Shoreline Amphitheatre, a Mountain View, dal 18 al 20 maggio. Questa sarà l’occasione per scoprire la futura versione di Android N, prevista per il rilascio in autunno, con tutte le ultime novità e attività di Google.

Android N

Se la versione finale del nuovo sistema operativo mobile di Google sarà svelata in occasione della conferenza, una beta è disponibile per il download da diverse settimane. E permette di conoscere le principali novità. Le attese (e richieste) più importanti sono la condivisione dello schermo, la possibilità di utilizzare contemporaneamente due applicazioni aperte una accanto all’altra (come accade sui tablet) o una sotto l’altra (come con gli smartphone). Google promette anche di introdurre le notifiche con modalità più intuitiva e un nuovo sistema di personalizzazione di scelta rapida. Migliorato anche il suo sistema di risparmio energetico. Resta da trovare un nome: tre anni dopo KitKat, avremo presto anche una Nutella Android?

La realtà virtuale

Proprio come Microsoft o Facebook, Google si basa molto sulla realtà virtuale. Una nuova generazione di visori potrebbe essere presentata proprio in occasione di questo imminente I/O. Si discute, al momento, delle possibili opzioni che potrebbero esser lanciate, come un nuovo casco, molto più sofisticato, ma nel quale comunque inserire il proprio smartphone, in linea con quanto già offre Samsung, per esempio.

Leggi anche:  Google Pixel 2 XL, ancora problemi: questa volta al lettore di impronte digitali

Uno smartphone modulare

Respinto nel 2016, il progetto Ara potrebbe riemergere al Google I/O 2016. L’obiettivo è quello di sviluppare un modello di smartphone modulare che sia economico, ecologico e personalizzabile. L’idea è di stabilire un’unità composta da una moltitudine di piccoli blocchi corrispondenti ad altrettanti componenti (processore, memoria, fotocamera, altoparlanti, chip 3G, etc.). Ciascuno di questi elementi, a partire dallo schermo, che può essere modificato in qualsiasi momento in caso di guasto o rottura o, semplicemente, per migliorarne le sue prestazioni. Questa ricerca mira anche a combattere l’obsolescenza programmata degli smartphone attuali.

Project Tango

Un altro progetto voluto da Google è Tango. E anche questo potrebbe essere lanciato a Mountain View. Si tratta di un sistema di mappatura 3D che si adatta all’ambiente intorno all’utente. Lenovo si aspetta di essere il primo produttore di smartphone a lanciare, nel mese di giugno, un terminale dotato di questa tecnologia a realtà aumentata.

Veicolo autonomo

La Google Car, che dall’estate del 2015 già circola su molte strade in test sul campo negli Stati Uniti, potrebbe essere un’ospite a sorpresa della conferenza. E questo a pochi giorni dall’annuncio di una partnership con il gruppo Fiat Chrysler Automobiles (FCA).