Game of Thrones
Un utente spagnolo di YouTube ha spoilerato una serie di puntate di “Game of Thrones”. HBO lo accusa di violazione del copyright.

In Spagna, un utente di YouTube ha creato un canale per spoilerare le puntate di “Game of Thrones“, prima che le stesse vengano trasmesse, in prima serata, da HBO. Pertanto, l’emittente televisiva statunitense ha deciso di portare in tribunale lo sfegatato fan della fortunata serie televisiva, accusandolo di violazione del copyright.

Home Box Office è un’emittente televisiva a pagamento via cavo e satellitare, di proprietà dell’omonima divisione del gruppo “Time Warner“. Nella sua programmazione sono previsti lungometraggi, in precedenza distribuiti presso le sale cinematografiche; film per la tv; documentari; incontri di pugilato; stand-up comedy; concerti; e alcune serie televisive davvero originali, come ha dimostrato “Game of Thrones“.

Al contrario, “Spanish Spoiler” risulta essere un giovane utente di YouTube che, nel corso delle ultime tre settimane, ha pubblicato – puntualmente – 48 ore prima della messa in onda, diversi filmati – simil-podcast – accompagnati da previsioni, riassunti e spunti di riflessione riguardo le successive puntate della seguitissima serie americana, che vanta proseliti anche in Italia.

Leggi anche:  YouTube rivoluzionerà la sua piattaforma con il lancio del servizio "Plus"

Ovviamente, HBO non ha digerito lo spirito d’iniziativa dello youtuber spagnolo. Infatti, l’emittente televisiva avrebbe chiesto al ragazzo la tempestiva rimozione dei video che, a loro volta, sono stati incriminati di violazione del copyright. Secondo la legislazione americana attualmente in vigore, il diritto di autore può venir meno soltanto nel momento in cui viene diffuso, senza autorizzazione, materiale inedito. Materiale che, fortunatamente, l’utente si è ben guardato da mettere in rete.

Intanto, HBO si sta appellando alla giustizia americana per far valere un’infrazione su Internet di DMCA – Digital Millennium Copyright Act – che rende illegali la produzione e la divulgazione di tecnologie, strumenti o servizi che possano essere usati per aggirare le misure di accesso ai lavori protetti dal diritto di autore.

Eppure, i contenuti di “Spanish Spoiler” appaiono così precisi da far presumere che dietro l’utente ci sia proprio un insider della produzione.