Windows 10
Windows 10 è già arrivato su 300 milioni di dispositivi

Windows 10, l’ultima versione del sistema operativo di Microsoft, resa disponibile a partire da luglio 2015, sta per compiere un anno di vita. Fin’ora è stato installato su circa 300 milioni di dispositivi in tutto il mondo per la gioia della società statunitense, che ricorda come il 29 luglio prossimo scadrà il termine per poter effettuare l’update gratuito da Windows 7 e Windows 8/8.1.

Il sistema operativo più diffuso al mondo continua a conquistare terreno sul mercato, specialmente nel settore dei PC, raggiungendo oltre 300 milioni di utenti attivi per quanto riguarda la sua ultima versione, 100 dei quali solo da inizio anno e 30 dall’ultimo conteggio ufficiale, vale a dire fine marzo.

Sicuramente, il successo del nuovo OS è stato decretato anche dalla gratuità del suo update dalle versioni di Windows 7, 8 e 8.1. Purtroppo, però, l’aggiornamento gratuito sarà disponibile ancora fino al 29 luglio 2016. Invitiamo, quindi, tutti coloro che non hanno ancora provveduto, ad effettuare l’update, in modo da poter godere di tutte le nuove interessanti ed importanti funzionalità offerte dal nuovo sistema operativo.

Per gratuitamente il proprio PC occorre:

  • Essere possessori di un computer con licenza ufficiale di Windows 7,8 o 8.1 ;
  • Recarsi presso il menù “Start” ;
  • Digitare “Windows Update” nella barra di ricerca ;
  • Selezionare l’aggiornamento al nuovo sistema operativo ed attendere che lo stesso venga installato sul proprio computer.

Windows 10, il prezzo a partire dal 30 luglio 2016

Come ricordato più volte dall’azienda con sede sociale a Redmond, nello stato di Washington, a partire dal 30 luglio 2016 l’aggiornamento avrà un costo pari a 119 dollari (circa 119€ in linea di massima). Tuttavia, potrebbe essere possibile un ampliamento del periodo a disposizione, visto e considerato il traguardo che il gruppo si è prefisso di attendere entro il 2018: 1 miliardo di terminali con Windows 10 installato.

Leggi anche:  Windows: tutti gli utenti sono in grave pericolo, ecco perchè

Per il momento non sono ancora giunte notizie ufficiali da parte di Microsoft, ma l’obiettivo è ancora lontano e l’azienda pur di mantenere il tasso di crescita, fin qui visto, potrebbe optare per un prolungamento del termine entro cui sarà possibile aggiornare in maniera completamente gratuita. Stay tuned per ulteriori novità.