Il Bebop 2 di Parrot è un drone diverso dagli altri. Qualcuno lo definisce un giocattolo costoso, io lo ritengo qualcosa in più, qualcosa di diverso da un giocattolo e non solo per il prezzo di 800€, incluso lo Skycontroller.

Di droni ce ne sono di tantissime forme, dimensioni, prezzo e di diverso tipo di utilizzo. L’azienda francese Parrot ha contribuito, non poco, alla loro diffusione e con il nuovo nato si è fatto un passo avanti stabilendo un nuovo confine da superare per tutti i quadricotteri presenti sul mercato.

bebop 2
Parrot Bebop 2 con Skycontroller – Recensione

Il Bebop 2 stupisce, e non poco, sotto molti aspetti. La robustezza della struttura, la velocità di salita e quella orizzontale, per la fotocamera e per la durata della batteria. Il costo è elevato, non lo si può negare, ma appena lo si accende e lo si fa volare si capisce subito che i soldi spesi sono più che giustificati.

La confezione

bebop 2

Per la prova ci è stato inviato il bundle Bebop 2 + Skycontroller. All’interno troviamo anche un parasole da montare che può essere utilizzato per ripararsi dal sole e concentrare tutta l’attenzione sul tablet o smartphone che si sta utilizzando in accoppiata con il quadricottero.

La confezione ha una ricca dotazione con diversi accessori per la ricarica delle due batterie ed elementi con i due adattatori da avvitare a seconda della dimensione del tablet utilizzato. Il nostro unboxing: Bebop 2 e SkyController: unboxing del super drone di Parrot.

Bebop 2, Skycontroller e il primo volo

Il Bebop 2 si può controllare da smartphone o tablet, Android e iOS, oppure con lo Skycontroller. Per potersi librare in volo la prima cosa da fare è scaricare l’applicazione FreeFlight 3 di Parrot. Una volta installata occorre sempre una connessione ad internet per poter collegare, tramite WiFi, il drone, lo smartphone o il tablet, e se lo avete acquistato, lo Skycontroller.

Screen Bebop 2 (2)

È molto semplice effettuare il collegamento, basta trovare la rete WiFi denominata Skycontroller (oppure Bebop 2 se si utilizza un device) e il gioco è fatto. A questo punto non resta che partire. Il controllo tramite il touch dei dispositivi mobili è decisamente difficoltoso e i crash sono comuni, con il controller il discorso è completamente diverso.

Il volo è stabile, intuitivo ed il controllo è sempre immediato. Il costo del controller è elevato, ma è la scelta migliore se si vuole godere pienamente di tutte le qualità del quadricottero di Parrot.

Comportamento in volo

Il decollo e l’atterraggio sono automatici, c’è un pulsante apposito con cui si effettuano entrambi. Il volo è molto stabile, anche in condizioni di forte vento, grazie ai tanti sensori e alla fotocamera posta nella parte inferiore del drone che tiene costantemente sotto controllo la distanza dal terreno.

Screen Bebop 2 (3)

Non si può sbagliare con il Bebop 2 se non per un nostro errore. La stabilizzazione in volo librato consente di poter persino lasciare i comandi. Anche quella nella direzione degli altri assi non è da meno. Rollio, beccheggio e imbardata sono sempre precisi e non comuni, rispetto ad altri droni provati, segno che nulla è stato lasciato al caso nella progettazione dagli ingegneri dell’azienda francese.

Screen Bebop 2 (4)

La quota massima raggiungibile è di 150 metri, la si può impostare a diverse altezze, e la distanza massima di controllo è di 2 km, 300 metri senza controller, anche questa modificabile manualmente. Anche le velocità di salita, la velocità verticale, e quella di rotazione sull’asse di imbardata si possono impostare manualmente fino al limite di 6 m/s (21,6 km/h) e di 200°/s.

Screen Bebop 2 (5)

A parte i dati tecnici pilotare, con lo Skycontroller, il Bebop 2 è puro divertimento. Non ci stanca mai di tenere la testa fissa in alto per pilotare a vista e sullo schermo del dispositivo mobile in caso il drone sia distante. L’unico limite è la durata della batteria, ma anche sotto questo aspetto si superano i limiti noti e si può arrivare ai 25 minuti dichiarati dall’azienda.

La fotocamera da 14MP è stabilizzata e realizza video con risoluzione massima in FullHD. Si possono anche scattare foto e direzionare l’obiettivo con cui si può variare il punto di scatto. In realtà la fotocamera è fissa e dotata di un ampio grandangolo per cui le immagini sono semplicemente tagliate nella direzione e con la prospettiva scelta.

Leggi anche:  Parrot presenta il nuovo Bebop 2 Power, il drone super professionale
Scattata con la fotocamera del Bebop 2
Scattata con la fotocamera del Bebop 2
Videocamera “Fish-eye” 14 Megapixel
Video Full HD 1080p su 3 assi
Stabilizzazione Stabilizzazione digitale (sistema Parrot)
Autonomia 25 minuti di tempo di volo (con batteria da 2700 mAh)
GPS Si
Processore Processore dual-core con GPU quad-core
Memoria 8 GB di memoria storage flash
Connettività
Wi-Fi Wi-Fi 802.11a/b/g/n/ac
Rete Dual band MIMO
Antenne Wi-Fi 2 doppie antenne a dipolo da 2,4 e 5 GHz
Potenza di emissione Fino a 21 dBm
Portata del segnale 300m
Video
Sensore CMOS 14Mpx
Ottica Obiettivo “fish-eye” Sunny 180°: apertura 1/2,3″
Stabilizzazione video Sistema digitale su 3 assi
Risoluzione video 1920x1080p (30fps)
Risoluzione foto 4096×3072 pixels
Codifica video H264
Formato immagine JPEG, RAW, DNG
Memoria interna Flash 8Go
Prestazioni
Velocità orizzontale massima 16 m/s
Velocità ascendente massima 6 m/s

bebop 2Immagini e video vengono salvati nella memoria interna di cui è dotato il drone e da qui possono essere inviati, tramite WiFi, a smartphone e tablet collegati tramite l’app FreeFlight 3. Gli scatti e i video realizzati sono sempre bena fuoco e soffrono solo di un un leggero rumore.

Si possono variare i settaggi della fotocamera dall’app. Si possono modificare esposizione, bilanciamento del bianco e contrasto.

Screen Bebop 2 (1)

Dove si può volare

La scelta del luogo non è banale nel caso del quadricottero francese e il peso di 500 grammi lo mette tra i mezzi aerei a controllo remoto cosiddetti “Very Light“. Questo significa che si può far volare il mezzo aereo in qualunque luogo isolato, in cui non ci siano persone o che non possa procurare pericolo, mentre è vietato in zone affollate, cortei o con assembramenti di persone se non si è dotati di un brevetto da pilota SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto).

bebop 2

Le norme dell’ENAC sono più che comprensibili visto che droni come quello da noi testato raggiungono velocità importanti; il Bebop 2 raggiunge i 57 km/h in velocità orizzontale e l’impatto contro una persona, un animale, un bambino, un auto o una finestra può procurare danni non indifferenti.

Lo Skycontroller

bebop 2

Lo ritengo indispensabile per poter utilizzare e controllare alla perfezione il quadricottero. Le leve, destra e sinistra, sono ben realizzate, solide e dall’ottimo grip, non scivolano mai. Il controller è dotato di una batteria identica a quella del drone e che assicura una lunga durata, fino a 150 ore.

bebop 2

Sul controller sono riportati tutti i tasti presenti nell’applicazione FreeFlight 3, in forma fisica ovviamente. Per cui è possibile gestire l’applicazione stessa, la fotocamera, il “ritorno a casa”, la registrazione dei video e lo scatto delle foto ecc. Dal controller si tiene anche sotto controllo il livello di carica della batteria, del segnale WiFi e del funzionamento dei motori delle 4 eliche con un sistema a LED.

bebop 2

Dotato di una porta microUSB per la ricarica, di una porta USB e di una HDMI a cui poter collegare degli occhiali FPV (First Person View). Indispensabile la tracolla in dotazione per sostenere con il collo il peso non indifferente del controller.

bebop 2

Conclusioni

Il Bebop 2 vale il prezzo d’acquisto e lo si può apprezzare pienamente solo con lo Skycontroller. La stabilizzazione del volo è fondamentale in questo tipo di velivoli soprattutto per chi è alle prime armi e il drone di Parrot in questo è il numero uno. La durata della batteria permette di rimanere soddisfatti di una sessione completa di volo e se si acquista una seconda batteria si può continuare a volare senza sosta per circa un’ora.

bebop 2

Il drone è anche molto robusto quindi non c’è bisogno di preoccuparsi troppo di eventuali impatti, ammesso che avvengano a velocità moderate, e nella confezione troviamo un sistema completo di eliche sostitutive con l’apposito strumento per smontarle.

La fotocamera realizza ottimi scatti e ottimi video in FullHD con una prospettiva unica, quella che solo gli uccelli conoscono e coloro che possiedono un Bebop 2.

Parrot Bebop 2

Parrot Bebop 2
86

Materiali

9/10

    Autonomia

    9/10

      Stabilità in volo

      10/10

        Fotocamera

        9/10

          Prezzo

          7/10

            Pro

            • Stabilità
            • Skycontroller
            • Fotocamera
            • Robustezza

            Contro

            • Prezzo
            • Difficile gestire il drone tramite app