intelligenza artificiale
Una palestra per robot finanziata dal magnate Musk

All’inizio di questa settimana, OpenAI, il gruppo di ricerca senza scopo di lucro con un miliardo di dollari di sostegno da parte di Elon Musk e altri luminari della tecnologia, ha lanciato il suo primo programma. Si chiama OpenAI Gym ed è pensato per essere utilizzato come strumento di benchmark per i programmi di intelligenza artificiale.

Musk aveva dichiarato tempo fa che pensava veramente come l’intelligenza artificiale potesse essere più dannosa per la razza umana delle armi nucleari. Quando OpenAI è stata lanciata a dicembre scorso, il suo obiettivo dichiarato era quello di “far avanzare l’intelligenza digitale nel modo in cui è più probabile che benefici l’umanità nel suo insieme, non vincolata dalla necessità di generare un rendimento finanziario“. Il che suona un po’ come una versione dell’IA di Google che, a lungo, ha avuto questo mantra: “non essere cattivo”.

Cos’è OpenAI Gym

OpenAI Gym ha lo scopo di standardizzare i test per i sistemi di intelligenza artificiale: se tutti sono eseguiti con gli stessi test di benchmark, non ci dovrebbe essere alcun tipo di conseguenza non intenzionale, come ad esempio la distruzione della razza umana o programmi di IA che mirino a raggiungere l’individualità, ovvero a indurre la persona a fare quel che essa vuole su Internet, ad esempio.

Il gruppo vanta al suo interno alcune delle menti più rispettabili nel campo del lavoro sulla “palestra”, tra cui l’ex ricercatore di Google AI Ilya Sutskever, l’ex tecnico Greg Brockton e gli scienziati informatici Andrej Karpathy e Wojciech Zaremba, che hanno lavorato su Google e Facebook nei programmi di ricerca di intelligenza artificiale.

Il software funziona come una vera e propria “palestra”. I ricercatori hanno presentato i propri programmi e questi verranno eseguiti con un loro codice attraverso una serie di scenari diversi per vedere come ci si comporta. Secondo i tecnici OpenAI, i programmi che si possono eseguire riguardano i giochi classici Atari come Pong e il gioco da tavolo Go, entrambi divisioni di ricerca di intelligenza artificiale di Google affrontati per alcuni anni. Questi prevedono il controllo di un robot che cammina in ambienti 2D e 3D e il calcolo di equazioni.

Leggi anche:  Honor V10 con Kirin 970 pronto al debutto in Cina prima del lancio globale

Nonostante decenni di chiacchiere e di ricerca, l’IA ha ancora molto da raggiungere e margini da migliorare. Nella maggior parte dei casi, che vanno dalla capacità del computer Deep Blue di IBM di battere Garry Kasparov a scacchi a quei robot non molto abili a giocare a calci, i programmi e i bot sono stati addestrati ampiamente su dati che hanno permesso loro di riuscire a completare un compito. Se possono risultare inadatti ad alcune azioni per le quali sono stati programmati, è molto probabile che avremo presto la possibilità di realizzare programmi o robot o chatbots o, ancora, automobili indipendenti che si adatteranno alle nuove situazioni.

OpenAI Gym potrebbe aiutare i ricercatori a costruire software di intelligenza artificiale che funzionano in generale su diversi campi. Il programma di benchmarking di OpenAI non può ancora essere rilasciato, ma è in fase di costruzione da parte di ricercatori con forti legami con la comunità di IA che si dedicano a rendere la tecnologia utile sotto diversi punti di vista. Come si è avuto modo di afferrare in tempi non sospetti, se le persone possono sviluppare l’IA che può fare grandi cose, poi si può realizzare anche un’IA che può compiere anche cose terribili. Mantenendo la ricerca nei giusti limiti, la speranza è che la possibilità che qualcosa di negativo possa accadere è contenuto.