Nokia
Nokia acquista la società francese Withings

Nokia ha annunciato oggi, martedì 26 aprile 2016, la propria intenzione di acquistare “Withings”, specialista francese nel campo degli oggetti connessi, specialmente smartwatch ed e-health. Il costo dell’operazione è di circa 170 milioni di euro e potrebbe permettere alla società finlandese di rilanciarsi sul mercato globale, in un settore in forte crescita.

Cédric Hutchings, attuale CEO di Withings, andrà ad assumere il ruolo di capo della divisione “benessere” di Nokia Technologies, vecchia gloria della telefonia mobile globale. Secondo quanto dichiarato dal suo presidente, Ramzi Haidamus, in un comunicato stampa « Withings condivide la nostra visione in materia di benessere e propone dei prodotti intelligenti e ben progettati. Prodotti che aiutano la gente a vivere nel migliore dei modi ».

L’acquisizione di Withings, una delle più importanti aziende informatiche francesi, fondata nel 2008, avrà un costo per la società finlandese di 170 milioni di euro e le permetterà di entrare nel settore degli orologi e bracciali intelligenti, ma anche degli oggetti tecnologici per la casa, come bilance, telecamere di sicurezza, lampade o termometri interconnessi. Lo scorso febbraio, nokia ha anche annunciato la creazione di un fondo d’investimento, dedicato all’Internet delle cose, da ben 350 milioni di dollari.

Leggi anche:  Nokia: dati entusiasmanti, venduti milioni di smartphone in pochi mesi

Il CEO di Withings ha, inoltre, affermato: « Sin dalla fondazione della società, il nostro obiettivo è stato quello di offrire ad ognuno la possibilità di seguire uno stile di vita e di migliorare il suo benessere quotidiano, al fine di un miglior benessere nel lungo-termine. Siamo entusiasti di unirci a Nokia per permettere di aiutare le persone sparse per il mondo a condividere la nostra visione del benessere tecnologico ».

Il ritorno di Nokia sul mercato

L’acquisto della società, dunque, rappresenta per Nokia un forte segnale al settore. Dopo un periodo buio durato alcuni anni, a seguito della vendita della propria divisione mobile a Microsoft nel 2014, ora il gruppo finlandese sembra intenzionato a ritornare nel campo dell’elettronica di consumo ed a riacquistare un posto di rilievo sul mercato mondiale, un posto che gli spetta di diritto se considerata la sua storia.