android n
Il Touch 3D su ANdroind N

Nuovo aggiornamento per Android N: la prossima versione del sistema operativo mobile, infatti, oltre alla possibilità di tornare alla funzione Night Mode, garantendo agli utenti l’opportunità di calibrare la luminosità del display del dispositivo – salvando i dati ma anche bloccando le chiamate in arrivo – offrirà altre interessanti novità.

In questa seconda versione beta per gli sviluppatori Android includerà alcuni miglioramenti della modalità stand-by, il sistema che aiuta a migliorare la gestione della batteria del terminale. Così, ad esempio, è possibile vederla attivarsi quando si spegne lo schermo, per non sprecare molta batteria.

Android N sarà multitasking anche quando sarà accessibile a tutti. E infatti, gli utenti potranno godere del contenuto di due applicazioni contemporaneamente. In tal modo, sarà per loro possibile parlare con i propri amici su WhatsApp ma anche sul Messenger di Facebook mentre si naviga sullo stesso social network, o durante la visione di un video su YouTube, contemporaneamente e senza dover lasciare la chat.

Inoltre, Android N – ma è questa la vera new entry del sistema operativo – avrà una funzione simile in 3D Touch di iOS, che permette ad un sotto-menu di implementare le icone delle applicazioni. Tale sotto-menu sarà visualizzato sul display, facendo scorrere il dito verso l’alto e verso il basso dell’icona. Google fa sapere che questa caratteristica sarà in grado di offrire più possibilità di interagire con le applicazioni sulla schermata iniziale.

Leggi anche:  Samsung Galaxy X con display piegabile e 3D Touch: perché dubitarne

Il gigante di Mountain View fa inoltre sapere che gli utenti potranno utilizzare il 3D Touch per aprire la schermata per comporre un nuovo messaggio o, addirittura, accedere a Google Maps per conoscere lo stato del percorso verso il proprio obiettivo. Come abbiamo detto più volte, questa è solo una versione beta di Android N, ancora in fase di test da parte degli sviluppatori. Speriamo che Google, dunque, abbia tutto pronto per il prossimo Google I/O di settembre o ottobre di quest’anno, durante il quale la versione vera e propria sarà accessibile da parte di tutti.