blackberry
Il logo della compagnia canadese

BlackBerry barcolla ma non molla. Anche se l’unione con Android non ha dato i risultati migliori, la compagnia canadese ha già pronti altri due smartphone per la rimonta. Il CEO della società, infatti, ha annunciato i prossimi dispositivi in un’intervista al The National. Adesso l’obiettivo principale è quello di abbassare i prezzi e soddisfare gli utenti.

Il motivo del flop di BlackBerry

John Chen, amministratore delegato dell’azienda, ha ammesso che il BlackBerry Priv non ha venduto abbastanza a causa del suo costo elevato. Il primo smartphone Android, infatti, è stato lanciato per circa 700 dollari sul mercato americano. La maggior parte degli utenti, però, non è disposta a spendere così tanto per un telefono. In genere i clienti sono più interessati ai dispositivi che si aggirano sui 400 dollari.

È questa la ragione per cui il primo smartphone Android della società non ha raggiunto le vendite stimate. Invece di 850 mila pezzi, se ne sono venduti soltanto 600 mila. Gli utenti, inoltre, sono poco interessati a ciò che offre il dispositivo. Soltanto una persona su dieci valuta la sicurezza, marchio di fabbrica della società, durante l’acquisto di uno smartphone.

Leggi anche:  BlackBerry: in arrivo uno smartphone resistente all'acqua, ecco i dettagli

I nuovi dispositivi Android

Per risollevare la situazione, quindi, la compagnia canadese ha sviluppato altri due smartphone Android più economici del precedente. I dispositivi saranno entrambi di fascia media, ma avranno caratteristiche diverse. Uno sarà dotato della tastiera fisica presente nei vecchi modelli della società. L’altro, invece, sarà completamente touch. Abbassando i costi, il CEO John Chen spera di risollevare le sorti della compagnia. In realtà, però, il futuro di BlackBerry è ancora abbastanza incerto. Non sono molti gli utenti interessati ai suoi dispositivi e sul piano americano l’azienda detiene soltanto lo 0,8 per cento del mercato mobile.