Elephone P9000: top gamma a 270€

Se quello che si cerca è un smartphone compatto, potente, con caratteristiche da top gamma, Elephone P9000 è quello giusto.

187

Elephone P9000

Elephone è un brand cinese che di recente ha presentato la sua nuova gamma di prodotti tra cui l’Elephone P9000, un autentico top gamma che viene venduto su Amazon a soli 270€. Elephone P9000 è uno smartphone che per le sue caratteristiche si posiziona nella fascia alta del mercato ad un prezzo decisamente stracciato: 270€, lontano anni luce da quello della stragrande maggioranza degli altri produttori. Basti pensare a LG G5 (attualmente in promozione da Euronics), al Samsung Galaxy S7, all’Asus Zenfone Zoom o ai prossimi Huawei P9 e HTC 10.

Per la cifra che si deve pagare ci si porta a casa un device che offre decisamente di più di più di quello che il prezzo possa far pensare. Nella stessa fascia di prezzo, in Italia al momento troviamo un Asus Zenfone laser che però è stato progettato per piazzarsi nella fascia media del mercato.

Elephone P9: compatto, potente, full optional

L’Elephone P9000 vanta uno chassis in alluminio anodizzato e un design attraente con delle cornici particolarmente sottili che lo rendono molto compatto. Le dimensioni sono: 148.4×73.2×7.3 mm per un peso di 145 grammi.
Considerando che lo schermo è da 5.5 pollici, le misure sono praticamente identiche a quelle del Galaxy S7 edge (150.9 x 72.6 x 7.7mm).
Ancora, le dimensioni di LG G4, device con 5.5 pollici di schermo, sono pari a 148.7 x 76.7 x 9.8 mm per un peso di 155 grammi, mentre quelle di un ASUS Zenfone 2 con schermo ovviamente della stessa grandezza sono di 152.5 x 77.2 x 10.9 mm per 170 grammi di peso!
Insomma, l’Elephone P9000 è decisamente compatto e il display, tra l’altro, è fornito da LG e dunque si tratta di un LCD IPS con una risoluzione Full HD (1920×1080 pixel). Grazie a Miravision si possono regolare contrasto, saturazione, temperatura colore in modo da averlo tarato in base alle nostre esigenze per la miglior visione possibile.

Sul retro del dispositivo è integrato un lettore di impronte digitali sotto all’obiettivo della fotocamera. Oltre a sbloccare lo smartphone consente anche di effettuare i pagamenti mobili tramite NFC.

Ulteriore vantaggio di Elephone P9000 riguarda l’interfaccia che non presenta nessun tipo di personalizzazione, anzi si tratta di Android Marshmallow 6.0 in versione stock. In pratica, è come se fosse un Nexus.

L’Elephone P9000 integra il SoC MediaTek Helio P10 affiancato da una GPU Mali-T860 e ben 4 GB di memoria  RAM. All’interno troviamo 32 GB di memoria interna espandibile tramite microSD fino a 256GB.

Per quanto riguarda il reparto multimediale, Elephone P9000 integra una fotocamera principale da 13 Megapixel (obbiettivo fornito da Sony, modello IMX258) con apertura del diaframma pari a f/2.0 con un flash dual tone e autofocus laser. Sulla parte frontale, è montata un obbiettivo da 8 Megapixel. C’è la possibilità di salvare le foto in formato RAW o DNG e la quasi immancabile feature dello scatto simultaneo di entrambe le camere.

Per finire, la batteria è da 3000 mAh con supporto al quick charge sia via USB che via wireless, anche questa una feature rarissima se non impossibile da trovare in uno smartphone su questa fascia di prezzo. L’ingresso USB è type-C.
Tra le lingue supportate ufficialmente c’è una grande varietà di lingue, tra cui anche l’italiano

Dove sta la fregatura? Al momento il modello con garanzia Europa non presenta un supporto particolarmente adeguato per le bande LTE, specialmente per quanto riguarda l’Italia.
Sul sito ufficiale, si legge: “Band Details (Europe) WCDMA: 1/2/5/8; FDD-LTE: 1/3/7/8/20;

Uno smartphone cinese per funzionare correttamente nel nostro paese in 3G e 4G deve funzionare su rete WCDMA 900/2100 MHz e FDD-LTE 800MHz/1800MHz/2600MHz, quindi questo Elephone P9000 funziona soltanto sulle frequenze dei 1800 e 2100 MHz. Giusto per intenderci, la frequenza dei 1800 MHz è utilizzata dalla maggior parte dei principali gestori telefonici italiani, come TIM, Vodafone e H3G, ma per esempio non la Wind. Inoltre, non è detto che ovunque prenda soltanto quella frequenza, dunque è molto probabile rimanere “scoperti” e senza segnale.

Tuttavia, visto che tra i linguaggi ufficialmente supportati c’è l’italiano e che il device è stato pensato per molti paesi europei e non soltanto per un mercato orientale si spera nell’arrivo di un modello con un buon supporto delle nostre frequenze.
Per 270€ resta comunque un best buy da tenere assolutamente in considerazione.