Alcatel
GFXBench mostra i dati tecnici di Alcatel Idol 4 Pro.

Il marchio francese Alcatel ha intenzione di riconquistare punti nel difficile mercato degli smartphone. GFXBench illustra la scheda tecnica di Idol 4 Pro, il prossimo modello di punta fornito di sistema operativo Windows 10 Mobile.

Solo un mese fa, Alcatel ha presentato al pubblico del Mobile World Congress di Barcellona i due device Idol 4Idol 4S. Entrambi gli smartphone sembrano destinati prettamente ad un pubblico giovanile, con specifiche tecniche di buonissimo livello. Nel corso delle prossime settimane, una variante di alto livello appartenente alla stessa gamma potrebbe fare capolino.

Si intitola Idol 4 Pro e la sua scheda tecnica è stata mostrata da GFXBench, la nota piattaforma di benchmark che verifica le prestazioni di ogni singolo terminale. Apparso con il numero di serie 6071W, il nuovo smartphone Alcatel promette abbastanza bene. Scopriamo insieme le caratteristiche tecniche di un prodotto destinato a riscuotere consensi.

La scheda tecnica di Alcatel Idol 4 Pro

  • Display da 6 pollici con risoluzione Full HD da 1920 x 1080 pixel
  • Processore Qualcomm Snapdragon 820 Quad-Core
  • Scheda grafica Qualcomm Adreno 530
  • RAM di 2 GB
  • Memoria interna di 64 GB
  • Fotocamera posteriore da 20 megapixel con video fino a 4096 x 2160 pixel
  • Fotocamera frontale da 9 megapixel con video Full HD da 1920 x 1080 pixel
  • Sistema operativo Windows 10 Mobile
Leggi anche:  Alcatel 5: informazioni sulle asimmetrie del nuovo prodotto e tanto altro

Le specifiche tecniche sono degne di un top di gamma. Il comparto grafico è di ottimo livello, anche se sorprende in negativo la RAM di soli 2 GB. Sembra strano che uno smartphone di tale rango possa avere un dato così basso in quel comparto. La fotocamera è invece adeguata al segmento nel quale Idol 4 Pro ha intenzione di inquadrarsi.

Il nuovo smartphone di Alcatel dovrebbe anche avere un design molto simile rispetto al precedente Idol 4S. Non si hanno ancora certezze sulla data di uscita del prodotto, né tantomeno del prezzo. Si parla di circa 500 dollari (440 euro), ma nei prossimi mesi se ne vedranno delle belle.