Android N
Android N potrette ispirarsi alla Nutella

Tra le novità di Android N c’è una new entry particolarmente importante. Si tratta di una funzione che, se usata correttamente, potrebbe addirittura salvarvi la vita. Adesso, infatti, si potranno inserire le informazioni personali da mostrare in caso di emergenza. Se siete colti da un malore improvviso o restate vittima di un incidente, questa feature mostrerà tutto il necessario ai paramedici.

I particolari della nuova funzione

L’ultima novità di Android N è un modulo chiamato “Informazioni d’emergenza” che viene mostrato al momento del set up del sistema operativo. Al suo interno, diverse voci permettono di inserire i dati personali generali e le informazioni sulle condizioni di salute. Nome, data di nascita, indirizzo, gruppo sanguigno, allergie e malattie particolari, assieme ai farmaci prescritti e i contatti d’emergenza, vengono mostrati sul dispositivo. Vista la sua importanza, però, questo file può essere accessibile anche dal lock screen dello smartphone, senza aver bisogno di inserire il codice. Nel caso in cui non ci sia una password, naturalmente, l’app andrà cercata tra le schermate del dispositivo. Questa caratteristica potrebbe rivelarsi estremamente utile per le operazioni di primo soccorso. Adesso, infatti, si potrà dire addio ai braccialetti medici di allerta o alle targhette dei cani personalizzate.

Leggi anche:  Gli utenti in media utilizzano lo smartphone per oltre 5 ore al giorno

Sulla scia di Apple

La nuova funzione di Android N è certamente pratica, ma non innovativa. Tempo fa, era stata proprio Apple ad inserire una funzione simile con Medical ID su iOS 8. Il problema principale, però, è condiviso da entrambi i sistemi operativi. La privacy potrebbe essere messa a serio rischio per via del libero accesso ai dati personali. In pratica, infatti, basterà avere l’accesso fisico allo smartphone per scoprire tutte le informaioni più importanti. Sulla nuova versione di Android non è ancora possibile modificare le condizioni di accesso al file. Per gli iPhone, invece, è possibile disabilitare la visibilità in caso di password.