La realtà aumentata vista da Intel
La realtà aumentata vista da Intel

Intel è interessata alla realtà aumentata e avrebbe già aperto un reparto che starebbe sviluppando un dispositivo davvero particolare in grado di sovrapporre elementi virtuali al mondo reale.

Ormai la realtà aumentata è entrata a far parte della nostra vita grazie anche alle varie case costruttrici che propongono agli utenti apparecchiature in grado di far immergere le persone in una realtà del tutto nuova. Samsung stessa durante la presentazione del Galaxy S7 ha utilizzati i suoi VR per mostrare a tutti il suo nuovo smartphone.

Secondo Wall Street Journal, proprio Intel, in questi mesi si sarebbe concentrata sullo sviluppo di un headset che dovrebbe contrastare gli Hololens di Microsoft. Da quanto si è appreso dalla rete la stessa società non avrebbe intenzione di realizzare un visore per realtà virtuale simile a HTC Vive o Oculus Rift ma un device in grado di sovrapporre elementi virtuali al mondo reale.

Intel, sviluppa la realtà aumentata

Intel dovrebbe utilizzare in questo nuovo dispositivo la camera proprietaria 3D RealSense, che consente di avere una realtà aumentata davvero incredibile immergendo il giocatore in un mondo davvero perfetto grazie alle immagini accurate che vengono fornite dal dispositivo.

Leggi anche:  Samsung Odyssey, ecco il visore con Windows Mixed Reality: da novembre a 499 dollari

Brian Mullins, CEO di Daqri, uno dei maggiori collaboratori di Intel per la realtà aumentata, ha dichiarato in un’intervista che “sapendo che Intel non riuscirà a farsi spazio nel mercato mobile, hanno quindi compreso che gli indossabili e la realtà virtuale potranno essere le nuove grandi piattaforme su cui puntare”.

Intanto il visore Vive di Htc, che costa intorno agli 800 dollari ha fatto registrare un record davvero incredibile e le prenotazioni online, avviate il 29 febbraio, hanno superato quota 15 mila in appena 10 minuti.