scott kelly
Scott Kelly e il suo rientro da un anno nello spazio

L’astronauta statunitense Scott Kelly e il cosmonauta russo Mikhail Kornienko sono tornati sulla Terra dopo aver trascorso quasi un anno nello spazio. Il tutto nell’ambito di un esperimento innovativo che si prefigura come un potenziale test per una possibile futura missione umana su Marte.

La missione di Kelly & Co. li ha visti battere il record per la più lunga singola permanenza nello spazio da parte di un astronauta statunitense con i suoi 340 giorni. Mentre Kornienko è ora quinto nella lista delle permanenze più lunghe da parte di un cosmonauta russo. “Abbiamo l’atterraggio“, ha confermato la russa Mission Control dopo che il trio aveva toccato terra a sud-est dell’insediamento di Dzhezkazgan, nel centro del Kazakhstan.

Dopo il ritorno dal suo lungo periodo di lavoro nello spazio, Kelly si è mostrato chiaramente di buon umore, mentre è stato aiutato ad uscire dalla capsula dai corpulenti soccorritori russi sul sito di atterraggio. “L’aria qui è grande. Non ho idea del perché voi ragazzi siate così infagottato“, ha dichiarato l’astronauta della Nasa, mentre sedeva su una sedia nella steppa a temperature appena sotto lo zero.

Kelly e Kornienko sono tornati con la russa Sergei Volkov, di stanza presso l’ISS per oltre cinque mesi, ed è stata accolta al momento dello sbarco dal padre, il cosmonauta in pensione Aleksandr Volkov.

#yearinspace

L’equipaggio in missione per un anno nello spazio è approdato sulla ISS il 27 marzo dello scorso anno. Come anticipato, è stata la più lunga che qualsiasi altro astronauta abbia affrontato a bordo della ISS ed è stata vista come una possibilità preziosa per misurare gli effetti di un prolungato periodo nello spazio sul corpo umano. Infatti, ciascun astronauta è stato sottoposto ad una serie di test e altri esperimenti in preparazione per una futura missione umana su Marte – e oltre.

L’assenza di peso riduce la massa muscolare e la densità ossea e si sostiene abbassi la vista, aumentando il liquido cerebrospinale intorno al nervo ottico. Kelly, inoltre, con i suoi 52 anni, si è sottoposto ad un ulteriore esperimento di confronto con lo sviluppo e i cambiamenti subiti nello spazio e quelli del suo gemello Mark, anch’egli astronauta ma rimasto sulla Terra.

Nel suo anno a bordo della stazione spaziale, Kelly è stato anche un vero e proprio “manifesto” spaziale e “avido” di Internet. Di lui si ricordano le viste mozzafiato condivise sulla sua pagina di Instagram e il suo regolare tweeting con quasi un milione di seguaci durante un viaggio di circa 230 milioni di chilometri attorno al globo terrestre.

In una bravata particolarmente accattivante, l’astronauta ha pubblicato un breve video di se stesso vestito in costume da gorilla mentre era intento a spaventare un suo collega sulla ISS. “È necessario un po’ di umorismo per alleggerire un anno nello spazio“, aveva scritto su Twitter lo scorso 23 febbraio, quando ha pubblicato il video.

Inoltre, un’immagine di Kelly twittata sul social ha dato modo di osservare il divario economico tra il Nord e il Sud della Corea e come questo sia visibile dallo spazio, laddove l’ardente Sud si rivela scintillante con le sue luci elettriche mentre il Nord giace in una coltre di oscurità. Un altro shot impressionante è stato quello della Via Lattea, che Kelly ha descritto come “vecchia, polverosa, gassosa e deformata. Ma bella.

Spaceflight è il più grande sport di squadra che ci sia ed è incredibilmente importante che tutti noi lavoriamo insieme per fare ciò che apparentemente è impossibile ma possibile“, ha detto Kelly al momento della consegna del comando della ISS al collega astronauta della Nasa Tim Kopra. Sulla ISS, ora, il cambio di equipaggio è formato da Kopra, appunto, dal cosmonauta russo Yuri Malenchenko e l’astronauta britannico dell’Agenzia spaziale europea Tim Peake. Ma, a fine mese, si uniranno altri tre cosmonauti già in attesa del lancio da Baikonur a fine mese.