microsoft astoria
Il logo di Microsoft e del progetto Astoria

La notizia è già ufficiale: Microsoft ha deciso di abbandonare il progetto Astoria per dedicarsi esclusivamente al Project Islandwood e al Project Centennial. Uno dei quattro bridge destinati ad aumentare il numero di app per Windows 10 è stato chiuso in meno un anno. La società, infatti, annunciò la nuova strategia in occasione della Build Conference di aprile 2015.

I motivi dell’abbandono

La chiusura di Project Astoria non è stata improvvisa o del tutto inaspettata. Già a novembre l’idea era stata accantonata a tempo indeterminato. Adesso, però, è arriva la conferma definitiva dello scarto con un post ufficiale sul blog della compagnia. In molti hanno ipotizzato che il motivo dell’abbandono di Astoria debba trovarsi in alcuni problemi tecnici. Per trasporre le applicazioni su Windows, infatti, sarebbe stata necessaria l’integrazione di un sottosistema Android all’interno di Windows 10 Mobile. Questa soluzione, però, finiva col danneggiare il sistema operativo rendendolo instabile e inaffidabile. Proprio per questo motivo, gli sviluppatori potrebbero aver deciso di abbandonare l’idea, a favore del porting delle app iOS.

Le dichiarazioni di Microsoft e i suoi piani futuri

Nel blog ufficiale dell’azienda si legge che la decisione è stata presa in seguito alle conclusioni raggiunte dagli sviluppatori. Questi, infatti, hanno dichiarato che non era necessario avere due bridge per trasporre il codice dai sistemi operativi mobile a Windows. Anzi, la scelta tra le due alternative rischiava di creare soltanto confusione. Al momento, quindi, Microsoft si dedicherà esclusivamente al Project Islandwood per trasporre le applicazioni iOS e al Project Centennial per trasporre quelle WIn32.