Twitter
Twitter introduce un nuovo motore di ricerca per GIFs

Twitter ha lanciato un proprio motore di ricerca per GIFs (Graphics Interchange Format), vale a dire immagini animate che stanno riscontrando, da qualche mese, un notevole successo su tutti i social network. Il sito, dunque, cercherà di semplificare il più possibile l’integrazione del formato nei messaggi.

Da un paio d’anni alcune persone avevano scommesso sul successo del formato GIF, ed è per questo che Giphy, piattaforma dedicata alle immagini animate, si è lanciata in tale ambito ed è diventata la più famosa e completa. Oggi la società sta riscuotendo quello che è riuscita a seminare in questi anni, grazie alla sua valutazione di mercato di circa 300 milioni di dollari.

L’enorme importanza acquisita dalla piattaforma ci mostra che le GIFs stanno acquisendo un successo senza precedenti. Sebbene Facebook già da tempo permetta l’inserimento del formato nei propri post, Twitter ha deciso di adattarsi al cambiamento solo in questi giorni. Gli utenti finalmente ora avranno a disposizione uno strumento che gli permetterà di ricercare le GIFs desiderate con estrema facilità.

Leggi anche:  Twitter, in arrivo una nuova funzione che stravolge i caratteri disponibili per i Tweet

PULSANTE GIF

Twitter ha introdotto l’importante nuova funzionalità grazie ad un bottone “GIF” presente nella parte inferiore dello schermo, durante la normale compilazione di un messaggio privato o di un tweet. Cliccando sul pulsante, sarà possibile aver accesso ad un’immensa libreria di GIF e scegliere la propria immagine animata preferita.

La nuova feature è disponibile per tutti gli utenti, sia chi accede da smartphone tramite l’app Android o iOS, sia per chi accede tramite browser da pc. Come già accaduto per Facebook, l’integrazione e lo sviluppo della funzionalità sono state facilitate grazie ad una collaborazione con Giphy.

Il successo delle GIFs sembra non volersi arrestare ed è incentivato dalla volontà degli utenti di rendere più dinamiche ed accattivanti le proprie conversazioni. Il Graphics Interchange Format sembra, dunque, essere destinato a modificare per sempre il nostro modo di chattare, proprio come successe con l’introduzione delle emoticons tanti anni fa.