Samsung
Samsung Galaxy Note 6 sarà fornito di 6 GB di RAM.

Ancora notizie interessanti su Samsung Galaxy Note 6. Il prossimo phablet della marca sudcoreana potrebbe essere fornito di una memoria RAM potenziata rispetto al passato, nonché di un comparto fotografico estremamente avanzato.

Le indiscrezioni sul prossimo phablet di punta di Samsung continuano ad inseguirsi senza sosta. Buona parte della scheda tecnica di Galaxy Note 6 è stata mostrata da un account del noto social network cinese Weibo. Diversi particolari possono essere considerati molto attendibili ed interessanti.

Alcune caratteristiche tecniche di Samsung Galaxy Note 6

Ma cosa si sa fino ad oggi del nuovo Galaxy Note 6? Fino ad agosto, mese nel quale il modello dovrebbe essere presentato ufficialmente, se ne sentiranno di cotte e di crude. L’erede di Galaxy Note 5, talmente poco convincente da non essere lanciato in Europa, sembra nascondere al suo interno alcune caratteristiche di ottimo livello. Vediamo cosa trapela da Weibo e cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo terminale di casa Samsung.

  • Display Slim RGB AMOLED da 5,8 pollici, con risoluzione da 2560 x 1440 pixel
  • 6 GB di RAM High-Speed
  • 32/64 GB di memoria interna espandibile tramite microSD
  • S Pen
  • Fotocamera da 12 megapixel con tecnologia Super O.I.S. Plus
Leggi anche:  Galaxy S9: il nuovo video fa impazzire gli utenti, lo smartphone perfetto è qui

Diversi sono i spunti interessanti. Innanzitutto, va rimarcata la memoria RAM da ben 6 GB, ancora poco diffusa nel mondo Android. Una scelta che scaturirebbe anche dall’inizio della produzione di massa da parte di Samsung di chip RAM da ben 12 GB. Interessante anche il comparto fotografico, corredato da una tecnologia piuttosto avanzata.

Tra gli altri rumors riguardanti Samsung Galaxy Note 6, da segnalare la possibilità di lanciare due varianti con processori Snapdragon ed Exynos. Una soluzione molto simile a quella adottata per gli altri top di gamma del brand, Galaxy S7 Galaxy S7 Edge. Ancora non si hanno notizie sulla capacità della batteria e sul sistema operativo, anche se in quest’ultimo caso Android Marshmallow sembra d’obbligo.