Samsung Galaxy Note 5

Con la commercializzazione limitata al solo territorio americano, il Samsung Galaxy Note 5 rappresenta al momento l’ultima proposta per il mercato phablet della casa sudcoreana. Un evoluzione del già ottimo Galaxy Note 4 con cui condivide alcuni elementi della scheda tecnica, ma dal quale si dissocia completamente per quanto riguarda il design.

Dagli USA arrivano ottime notizie per tutti i possessori di Samsung Galaxy Note 5 in trepidante attesa della disponibilità dell’aggiornamento ad Android Marshamllow. Dopo Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge, il programma di beta testing dell’ultima versione di android ha preso il via anche per il Note 5. Al momento sono circa duecento gli utenti americani selezionati da Samsung che hanno avuto accesso al programma e che stanno provando in anteprima il nuovo update.

Oltre alle novità introdotte da Android Marshmallow, tra qui Doze ed una miglior gestione dei permessi delle varie applicazioni, gli utenti che stanno provando la nuova versione del robottino verde per Samsung Galaxy Note 5 segnalano una maggiore fluidità dell’intera interfaccia grafica, merito della nuova TouchWiz. Nessuna novità da segnalare per quanto riguarda la S-Pen, che continua a mantenere le stesse funzioni presenti con Android 5.1.

Leggi anche:  Samsung: pronti i nuovi processori ad 8 nanometri che promettono prestazioni stellari

L’aggiornamento ufficiale ad Android Marshmallow per i dispositivi della casa coreana è ormai sempre più vicino. Febbraio sarà il mese di Samsung Galaxy Note 5 e Galaxy S6 EDGE Plus, per poi proseguire fino ad aprile con tutti gli altri dispositivi. Tutte le speranze sono ora riposte nei colleghi di SamMobile, in attesa di qualche firmware ufficiale basato sull’ultima versione di android da poter flasciare tramite Odin.