Malware android
Preoccupanti i dati rilevati in India per dispositvi infetti da malware

Cresce il numero di malware per Android in India con cifre preoccupanti, si parla di quasi un milione di dispositivi infettati durante tutto il 2015.Che il sistema operativo mobile di Google sia un obiettivo prediletto di hacker che producono codice malevolo è ormai risaputo. Le ragioni per cui si punta maggiormente su questa piattaforma sono le più disparate, a partire dall’enorme diffusione di Android, con circa 1 milione di attivazioni giornaliere, passando per la frammentazione e la scarsa attenzione dei produttori nell’aggiornare i propri dispositivi. Una delle strade che tra gli autori di mobile malware va per la maggiore, però, è quella che consente di colpire il maggior numero di device attraverso attacchi rivolti ai mercati di applicazioni.

L’India, oltre ad essere uno dei paesi con il maggior numero di utilizzatori di smartphone Android, rappresenta anche uno dei maggiori produttori di app di terze parti, che vengono spesso contaminati dai malware per scarsa attenzione alla sicurezza.

Secondo il rapporto di Cheetah Mobile Security, azienda conosciuta soprattutto per il suo Clean Master, l’India è secondo solo alla Cina che ha registrato 1,5 milioni di dispositivi infetti nell’ultimo anno. Inoltre il numero complessivo di malware è cresciuto notevolmente, arrivando a 9,5 milioni con un incremento del 22% negli ultimi 2 anni. Stesso discorso per i siti Web malevoli che spuntano come funghi nei mesi in cui si tende a fare acquisti on-line, come, in pieno periodo natalizio, a dicembre.

Nel rapporto viene riportata anche l’importanza del Google Play che si presenta più affidabile e rigoroso nei controlli di sicurezza, motivo che l’ha portato ad imporsi per entrare in alcuni mercati come quello cinese, così da garantire per i suoi utenti un sistema Android più sicuro.