Asus Zenfone 3: due possibili varianti appaiono su GFXBench

Sul noto sito di Benchmark appaiono due phablet ASUS di fascia media. Entrambi con 3GB di RAM e con display da 5.5 e 5.9 pollici.

ASUS Zenfone Cover

Sul noto sito di benchmark GFXbench nelle ultime ore sono comparsi 2 nuovi phablet Asus. Essi potrebbero essere i primi modelli a far parte della gamma Zenfone 2016 di nuova generazione e in particolar modo potrebbero essere i successori dei precedenti flagship presentati l’anno scorso.

L’imminente Mobile World Congress 2016 che si terrà anche quest’anno in quel di Barcellona potrebbe essere l’occasione giusta per il Produttore taiwanese per presentare i dispositivi della nuova gamma Zenfone, in particolare l’atteso Asus Zenfone 3 con le relative varianti.

Jonney Shih, presidente di ASUS, aveva dichiarato lo scorso ottobre che l’azienda era già al lavoro sulla progettazione del successore del fortunato ZenFone 2. Al momento, allo scorso CES di Las Vegas, Asus non ha presentato nulla di nuovo e attualmente, a parte le informazioni trapelate oggi su GFXbench, non si hanno notizie certe sulla data in cui il nuovo Zenfone 3 verrà ufficializzato.

I dati emersi nel database sono relativi a due smartphone con logo Asus e le relative schede tecniche fanno pensare alle possibili caratteristiche dei nuovi dispositivi appartenenti alla gamma Zenfone, ma non necessariamente ai prossimi Zenfone 3.

La sigla relativa al primo dei due dispositivi è ASUS Z012D: Si legge che il Sistema Operativo installato sarà Android 6.0, la diagonale del display sarà uguale a quella dei predecessori, ovvero da 5.5 pollici e sempre con risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel). A cambiare è il SoC utilizzato. Non si fa riferimento a una CPU Intel Atom come per lo Zenfone 2, ma bensì al processore Qualcomm Snapdragon 650 (esa core con frequenza di clock pari a 1,7 GHz) e, di conseguenza, una GPU Adreno 510. La quantità di RAM è pari a 3GB. Raddoppia la memoria integrata che passa da 16 a 32GB (dovrebbe mantenere l’espandibilità tramite microSD) e sono presenti tutti i sensori come WiFi, Bluetooth, barometro, bussola, giroscopio, accelerometro. All’appello manca il sensore NFC.

L’altra scheda apparsa porta invece la sigla ASUS Z010D e sembrerebbe essere una versione “lite” rispetto all’altro modello; sempre Android 6.0, ma stavolta il display diventa 5,9 pollici e, in controtendenza con una risoluzione solamente HD (1280 x 720 pixel), inferiore a quella dell’altro modello con schermo leggermente più piccolo. A cambiare è anche il SoC, uno Snapdragon 615 (octa core con frequenza di clock pari a 1,5 GHz) e una più tranquilla GPU Adreno 405. Stessa quantità sia di memoria RAM che di memoria integrata.
In questo modello vengono evidenziati anche i numeri relativi alla fotocamera principale che è da 13 Megapixel e quella anteriore da 5 Megapixel.
Quest’ultimo sarebbe equipaggiato con alcuni sensori dell’altro modello, escluso l’NFC, il barometro e il giroscopio.

Viste le caratteristiche è logico pensare che si sta parlando di ipotetici futuri device appartenenti alla fascia media del mercato e, salvo sorprese, sembrerebbe che ASUS non sia intenzionata a produrre dispositivi per aggredire i top gamma degli altri produttori.

Tuttavia, la risoluzione dei pannelli, il tipo di hardware utilizzato e i quantitativi di RAM di 3GB al posto dei 4GB dell’attuale “top gamma” Zenfone 2 (ZE551ML), instillano qualche dubbio sul fatto che questi due dispositivi possano essere due effettive varianti del prossimo Zenfone 3. Inoltre, precedenti rumors parlavano di uno Zenfone 3 con porta USB  Type-C, specifica non menzionata nelle schede tecniche emerse oggi.

Come sempre, il tempo ci darà tutte le risposte del caso.