facebook crash

Facebook ha deciso di testare quanto i suoi utenti siano fedeli al social network. Per farlo ha deciso di rendere instabile l’applicazione Android per qualche giorno.

Zuckerberg ed il suo team sono pieni di idee ma, anche di probabili nemici. Il successo della piattaforma social, l’acquisizione prima di Instagram e poi di WhatsApp. Zuckerberg ha davvero di che essere invidiato dai concorrenti.

Del resto il gigante del social non si risparmia la concorrenza esageratamente aggressiva (ai limiti dello sleale). È recente, ad esempio, la chiusura della pagina Facebook ufficiale dedicata a Telegram.

Per questo motivo, il team del social ha deciso che la prudenza non è mai troppa ed era necessario verificare quanto gli utenti fossero dipendenti dalla piattaforma.

Facebook, l’app per Android bloccata sul Google Play Store e resa instabile appositamente

L’esperimento sociale si è svolto in modo semplice ma, efficace. Alcuni utenti si sono trovati nell’impossibilità di scaricare l’applicazione ufficiale dal Google Play Store. Per rimediare, era necessario recarsi su un link esterno ed ottenere l’APK.

Leggi anche:  WhatsApp utilizza Facebook per spiare l'immagine profilo: la privacy è in pericolo

Inoltre, una volta installato l’applicativo, questo si rivelava pieno di lag ed a rischio crash continuo. L’esperimento è durato diverse settimane, durante le quali gli utenti non si sono mai arresi ed hanno cercato in tutti i modi di utilizzare l’applicazione.

Quando i troppi errori rendevano l’app inutilizzabile, gli iscritti non hanno perso tempo e si sono spostati sulla versione mobile di Facebook.

I risultati dell’esperimento sociale si sono rivelati parecchio soddisfacenti per Zuckerberg, che ha avuto un’ulteriore certezza della dipendenza da Facebook maturata dalla maggioranza degli utenti.

Il team del social aveva necessità di capire quanto la sua affluenza sulla piattaforma dipendesse da Google a dai suoi servizi. L’indagine diretta ha dimostrato che, evidentemente, il patron di Facebook non ha nulla da temere.