facebook virus

Facebook, la piattaforma è stata assalita di nuovo da un “vecchio conoscente”. Il malware che utilizza la promozione di occhiali Ray-Ban per attirare l’attenzione, è tornato sulle bacheche.

Tutti i social network sono vulnerabili agli attacchi di hacker. Alcuni però, come Facebook e WhatsApp, risultano vittime preferite a causa della loro popolarità.

Non è raro vedere, sulle bacheche di alcuni nostri contatti, la comparsa di messaggi assolutamente impropri. Subito dopo, normalmente, arriva il chiarimento del povero malcapitato, che si esonera da qualsiasi responsabilità circa i post affissi nella propria bacheca. Sta diventando routine.

Sebbene nella maggior parte dei casi, i malware si moltiplicano fra i contatti Facebook in silenzio, la disattenzione umana è sempre fondamentale per far si che questo accada. Il malware dei Ray-Ban ne è un esempio.

Facebook attaccato dal malware dai Ray-Ban, privacy a rischio

Il malware, assolutamente non di nuova generazione, si chiama come la marca di occhiali da sole perché quest’ultimi sono l’esca per gli utenti.

Leggi anche:  Facebook: Zuckerberg cederà oltre 18 miliardi di azioni dal 2019

Il fastidioso malware si manifesta tramite un presunto annuncio pubblicitario riguardante la vendita a prezzi stracciati di occhiali da sole Ray-Ban in onore di una campagna di beneficienza. Il costo è talmente basso, da invogliare qualsiasi utente inesperto a cliccarci sopra. Da quel momento, in automatico il malware si impossessa dei contatti della vittima e pubblica lo stesso annuncio sulle loro bacheche.

Inoltre, l’utente è reindirizzato ad un sito Web esterno dove, per concludere l’acquisto, dovrà inserire i propri dati personali. Inclusi quelli della carta di credito.

La minaccia dei Ray-Ban non è nuova per la piattaforma di Facebook, periodicamente compare sui profili dei poveri utenti e mette a rischio la loro privacy. Ovviamente, per salvaguardarsi basta un po’ di attenzione e soprattutto diffidenza verso qualsiasi annuncio pubblicitario che non abbia chiare origini.