scoperte scientifiche
Le migliori scoperte scientifiche del 2015.

In occasione della conclusione dell’anno anche la scienza stila le migliori scoperte. La maggior parte delle riviste scientifiche hanno raccolto la maggior parte delle invenzioni più importanti del 2015, pubblicando esclusivamente le migliori. 

Sono due le scoperte scientifiche ad essere vincitrici. Si tratta della missione New Horizons della Nasa su Plutone e del metodo che modifica il Dna con estrema precisione, grazie alla tecnica Crispr. Si tratta di un complesso che ha la capacità di modificare il Dna, servendosi di una molecola Rna e una nucleasi, ovvero l’enzima Cas. Entrambi eliminano e modificano i geni, rivoluzionando il campo della genetica. Per quanto riguarda, invece, la sonda NASA New Horizons questa ha sorvolato la superficie del pianeta Plutone. Grazie alla sua navicella si è potuta osservare la sua superficie variegata e i suoi vulcani ghiacciati. Queste rappresentano dunque le prime migliori scoperte del 2015, ecco le altre.

Embrioni umani, modificati geneticamente

scoperte scientifiche
Una delle prime scoperte scientifiche, Crispr, il metodo genetico di precisione.

Accade in Cina la conquista dei primi embrioni geneticamente modificati. Un gruppo di ricercatori ha scoperto la tecnica di ingegneria genetica Crispr/Cas, precedentemente descritta.

Lo scheletro di Homo Naledi

scoperte scientifiche
La quarta scoperta scientifica riguarda l’Homo Naledi.Un nuovo Homo

Si tratta di una delle scoperte più importanti della storia del genere umano. Ritrovata in Sudafrica nel corso del 2015. Si tratta dell’Homo Naledi, una nuova specie con caratteristiche sia primitive che moderne.

Ebola

scoperte scientifiche
Ebola.

Il virus mortale ha provocato in Africa occidentale una vasta epidemia, portando alla morte oltre 10mila persone. Per questo motivo, l’Ebola è stata al centro di numerose ricerche mediatiche, in cui si è cercato di mettere a punto possibili farmaci e vaccini.

Homo di Kennewick

scoperte scientifiche
Kennewick.

Tra i fossili più famosi rinvenuti in Nord America, l’Homo Kennewick. Il suo Dna ha rivelato legami con i Nativi americani moderni.