gorilla glass
Gorilla Glass: dagli smartphone alle automobili

Al termine di questo anno si nota bene quanto sia diventato stretto il rapporto fra l’industria automobilistica e l’industria della tecnologia mobile. Tutto questo, è confermato dal fatto che sempre più spesso si sente parlare di automobili autonome come le Google Car, le Apple Car o di progetti messi a punto da Uber. Tuttavia, questi giganti della tecnologia mondiale, sono solo una rappresentanza dei tanti sviluppatori di tecnologie e soluzioni pensate per il settore automobilistico.

Gorilla Glass su Ford GT Supercar

Oltre a queste società leader, infatti, ce ne sono altre che stanno emergendo in questo campo solo adesso. Una di queste è Corning. Questa società è famosa per le soluzioni che offre nel campo della protezione dei display di dispositivi mobili. Uno dei suoi prodotti più noti sono i Gorilla Glass. Si tratta di un particolare tipo di vetro realizzato in un materiale alcalino-alluminosilicato progettato specificamente per resistente nonostante la sua leggerezza e la sua sottigliezza.

Come può una società come Corning inserirsi in questo particolare settore? Un modo è quello di trasferire le conoscenze utilizzate nel campo del mobile al settore dell’automobilismo. Il primo pensiero riguarda la costruzione di parabrezza innovativi.

La società statunitense, in effetti, vanta già un’importante collaborazione con Ford per quanto riguarda il rifornimento di parabrezza che verranno utilizzati per le vetture Ford GT Supercar, una macchina da corsa il cui lancio è previsto per il 2017.

Un vetro leggero e solido allo stesso tempo

Sulla vicenda si è pronunciata direttamente Ford, la quale ha espresso la propria soddisfazione riguardo a questo progetto, dicendo: “Il parabrezza Gorilla Glass realizzato dalla collaborazione fra Ford e Corning che verrà utilizzato sia sul parabrezza che sul cofano posteriore della Ford GT Supercar, contribuirà ad una migliore gestione del veicolo, al miglioramento dell’efficienza energetica e alla riduzione del rischio di rottura del vetro.”

Tutto ciò dimostra quanto detto all’inizio riguardo alla concomitanza con cui il settore della tecnologia mobile si sta muovendo con quello del settore automobilistico.