twitter pirateria

Siamo sotto cyberattacco e l’allarme lo lancia Twitter. Per la prima nella storia del social, gli utenti sono messi in guardia: si tratterebbe di una falla nei sistemi di sicurezza attraverso la quale sarebbero riusciti a penetrare “operatori sostenuti da uno Stato“.

A riportare che i dati a rischio sono “indirizzi email, IP e numberi IP e di telefono” è stata l’organizzazione non-profit Coldhak. Tuttavia, si precisa, il bersaglio sarebbe un gruppo esiguo di account, sebbene lo stesso social non fornisca al momento informazioni sui possibili autori degli attacchi informatici.

Pirateria social

L’allarme pirateria internazionale, dunque, è ben presente e appurato. Chi viene “attaccato”, in pratica, vede messi a rischio i propri dati sensibili. Come riporta la nota, “a titolo precauzionale, vi avvertiamo che i vostri account Twitter fanno parte di un piccolo gruppo di utenti che potrebbero esser stati presi di mira da operatori sostenuti da uno Stato“.

Twitter aggiunge che spera di poter fornire ai propri utenti altre informazioni. Nel frattempo, è possibile proteggere la propria identità online informandosi sulle modalità direttamente sul sito del Tor Project, grazie alla guida della Electonic Frontier Foundation inerente tali tematiche.

Leggi anche:  Ora è ufficiale, sarà rivoluzione Twitter: addio ai 140 caratteri

L’allarme è stato divulgato nella giornata di venerdì scorso. E gli avvisi sono giunti a destinazione degli utenti iscritti mal capitati durante tutto il weekend. Un fenomeno non nuovo sul social dei cinguettii visto che,già nel 2013, la piattaforma di microblogging si era trovata costretta ad avvisare circa 200 mila utenti a rischio di “scippo” della password. Certo, all’epoca si trattava della sola password. Oggi dell’insieme dei dati. E la questione è ben più preoccupante.