edge

EDGE, il nuovo navigatore satellitare targato Microsoft porta con sé diverse problematiche del predecessore Internet Explorer.

Per il lancio di Windows 10, il gigante di Redmond ha messo a punto un browser Web che avrebbe dovuto colmare tutte le lacune e le falle del vecchio Internet Explorer. Quest’ultimo era stato abbandonato dalla maggior parte degli utenti a causa dell’instabilità e pericolosità. Moltissimi hacker infatti lo hanno utilizzato spessissimo come “porta di accesso” per installare virus e malware sui computer di ignari utenti. L’euforia per l’arrivo di EDGE pare però doversi in parte frenare, un esperto informatico ha esaminato tutti i bollettini di Microsoft sui problemi di sicurezza (e non solo) del nuovo browser e del vecchio. In ogni report sono presenti le falle risolte codificate in modo da essere facilmente riconoscibili. È proprio dall’analisi di questi codici che l’informatico si è accorto delle similitudini fra EDGE e Internet Explorer.

EDGE, molte falle di Internet Explorer sono ancora presenti nel nuovo browser

Su 14 bollettini relativi a EDGE contenenti altrettanti codici errore, fortunatamente risolti, ben 11 erano combaciavano con le falle riscontrate sui report di Internet Explorer. Quasi l’80% dei problemi di sicurezza risolti erano quindi presenti su entrambi i browser Web. Ovviamente, EDGE è stato appena lanciato ed è quindi ancora presto per fare una valutazione complessiva dell’applicativo rispetto al suo predecessore. L’inizio tuttavia, pare non essere dei migliori. Anche se molti problemi di Internet Explorer sono stati fortunatamente risolti, altre falle potrebbero rendere ancora pericoloso l’uso dei navigatori proposti da Microsoft.