cargo Cygnus
Una ricostruzione del cargo Cygnus

Il cargo Cygnus è stato finalmente lanciato dopo i tre rinvii dovuti al maltempo degli ultimi giorni. Nella notte di domenica, infatti, il razzo è riuscito a decollare sfruttando una tregua del vento e della pioggia. La quarta missione di rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale rischiava di essere bloccata per via del meteo e di alcune incertezze tecniche. Adesso, però, tutto sembra andare per il verso giusto.

Il cargo Cygnus è stato lanciato dalla base di Cape Canaveral, in Florida, ed è stato monitorato dal centro di controllo di Dulles in Virginia. Dopo la velocità massima raggiunta nell’attraversamento dell’atmosfera, il razzo procede ora spedito verso la Stazione Spaziale. L’arrivo è previsto per il 9 dicembre e porterà nuove attrezzature agli astronauti del centro. Tra queste, diverse vettovaglie, 3500 Kg di attrezzature e il materiale per altri 250 esperimenti costituiscono i rifornimenti principali.

L’esito della missione di Cygnus sarà particolarmente importante per la società italo-francese Thales-Alenia. Questa, infatti, si aggiudicò la costruzione del cargo ma venne messa in discussione dopo un incidente avvenuto nel 2014. Oggi Cygnus è stato riprogettato in una versione enhanced con nuovi pannelli solari e più capienza. Se tutto procederà alla perfezione, quindi, Thales-Alenia potrebbe aggiudicarsi anche la seconda fase del contratto di approvvigionamento che va dal 2018 al 2024.