Here
Here acquistato da BMW, Audi e Daimler

Here, il servizio di mappatura  proprietà della società Nokia è stato oggetto del desiderio di molte grandi aziende in ques’ultimo periodo. Tre grandi gruppi automobilistici tedeschi, Audi, BMW e Daimler, hanno annunciato di aver completato un importante  acquisto che riguarda Here. Il servizio Here è stato acquistato per 2,8 miliardi di euro. Ecco alcuni interessanti  dettagli riguardante questa operazione.

Here nelle mani dei tedeschi

Ad aprile 2015 Nokia aveva già ricevuto diverse proposte interessanti riguardanti la vendita di Here, il suo servizio di mappatura. Chi si era presentato alla porta di Nokia? Fra i grandi nomi illustri c’era addirittura Microsoft, Baidu e Tencent. Persino Uber aveva avanzato una proposta interessante: ben 3 miliardi di dollari. Tuttavia Nokia, proprietaria del servizio non si era mai lasciata  tentare da nessuna di queste cifre astronomiche rifiutando sempre l’offerta.
Non appena però sono entrate in gioco tre big dell’automobilismo tedesco e mondiale come BMW, Audi e Daimler la musica è leggermente cambiata. Le tre case automobilistiche “Made in Germany”, infatti, hanno raggiunto un accordo con Nokia.

Leggi anche:  Project Treble: nessuno degli attuali smartphone Nokia lo supporterà

Attraverso questo accordo BMW, Audi e Daimler hanno ottenuto una pari partecipazione nella piattaforma, anche se l’operazione molto probabilmente verrà ultimata soltanto nel primo trimestre del prossimo anno.

I possibili motivi dell’acquisizione

Per quale motivo queste grandi case automobilistiche tedesche hanno deciso di acquisire il servizio? Un motivo importante riguarda senz’altro l’obiettivo di ridurre la dipendenza dai fornitori automobilistici che forniscono soluzioni di mappatura che possono essere basati su Google Maps o servizi più tradizionali come Garmin o TomTom.

Un altro motivo potrebbe riguardare la possibilità di produrre in futuro delle smartcar in proprio senza dover necessariamente ricorrere a grandi aziende tecnologiche come la stessa Google.