galaxy s7

I rumors sul Galaxy S7 si moltiplicano ogni giorno e le notizie spesso si contraddicono come è il caso relativo alla microSD, ci sarà o no sul nuovo top di gamma di Samsung?

Le notizie che girano sul prossimo device dell’azienda sudcoreana Samsung aumentano di giorno in giorno. Il 2016 si avvicina e con il nuovo anno si avvicina anche la presentazione del Galaxy S7 che dovrebbe avvenire a Barcellona in occasione del Mobile World Congress, ma anche su questo ci sono molti rumors e diversi affermano che la presentazione sarà anticipata rispetto al consueto appuntamento spagnolo.

Le ultime notizie provenienti dalla Corea smentiscono i rumors che davano per scontato il ritorno della MicroSD sulla settima generazione dei Galaxy S. La microSD è sparita, con molto stupore da parte degli utenti, a partire dal Galaxy S6 ed S6 Edge e a quanto pare la tendenza continuerà. Ad affermarlo il The Korea Times che ha avuto la soffiata da una fonte interna a Samsung:

“Come il Galaxy S6 ed S6 edge rappresentavano il progresso, l’S7 avrà miglioramenti sia in termini di qualità dell’immagine che di prestazioni e alcune altre nuove funzionalità. Poiché gli smartphone sono già disponibili a basso costo, non c’è bisogno di spendere di più per modificare il design. Il punto chiave è far godere i consumatori di contenuti con elevata qualità di visualizzazione e maggiore velocità di elaborazione.”

Leggi anche:  Qualcomm Snapdragon X50, il modem pronto per il 5G

Secondo questo ultimo rumor sul Galaxy S7 Samsung si è concentrata a migliorare il display e il processore, due settori in cui è già al top e lo dimostrano i vari Galaxy S6, S6 Egde, Note 5 ed S6 Edge + dotati tutti di display QHD e processore Exynos 7420. Questa affermazione della fonte vuole dire che sul nuovo flagship ci sarà un display 4K? È probabile.

Di certo l’assenza della microSD e la batteria non removibile sembrano ormai far parte del DNA anche dei device dell’azienda sudcoreana. Naturalmente allo stato attuale le notizie sono da prendere cum grano salis per cui tutto è ancora possibile anche se…