google energie rinnovabili

Google diventa green. Ed ha annunciato di voler incrementare l’uso di energie rinnovabili per i suoi data center. L’obiettivo è accompagnato da un contratto mega galattico (come solo Big G ci ha abituati), grazie al quale il colosso di Mountain View vede potenziare la propria produzione green aggiungendo ulteriori 845 Megawatt di potenza.

Ad essere ampliati saranno alcuni siti produttivi, ovvero impianti fotovoltaici ed eolici dislocati negli Stati Uniti, in Cile ed in Svezia. Si tratta di fonti rinnovabili che vedremo messe in opera ed impiegate solo entro il 2025. Per il momento, dunque, c’è solo il progetto ed il contratto di avvio ai lavori. “In questi tre paesi abbiamo raddoppiato l’energia rinnovabile che abbiamo acquistato finora“, ha dichiarato Urs Hoelzle, uno dei portavoce di Google. “Siamo ancora più vicini al nostro impegno di triplicare gli acquisti di energia rinnovabile entro il 2025 e all’obiettivo di alimentare il 100% delle nostre attività con energia pulita“.

La ecoenergy di Google

L’impegno di Google nelle rinnovabili è noto già dal 2006, ossia dall’apertura del primo data center. Da allora, e fino ad oggi, il coinvolgimento è stato sempre più forte grazie ai diversi contratti firmati e con validità, ciascuno, di 10 e 20 anni. Quello di oggi, quindi, mira a raggiungere i 2 Gigawatt di potenza per alimentare gli impianti situati nei paesi precedentemente menzionati, dove eolico e fotovoltaico primeggiano.

Leggi anche:  Qwant sfida Google, il nuovo motore di ricerca mette la privacy al sicuro

La notizia giunge proprio in contemporanea con il COP21 di Parigi, durante il quale si stanno cercando accordi per cercare di garantire un futuro ad un pianeta sempre più in deficit. E il mondo hi-tech, ovviamente, non poteva rimanere inerme a guardare. Ma, anzi, ha confermato il proprio impegno  e coinvolgimento in una tematica molto delicata, quella della sostenibilità ambientale. Google è in prima linea, tanto da definire il suo nuovo impegno contrattuale come “la più grande operazione di acquisto di energie rinnovabili mai realizzata da un’azienda che non sia una utility”.

Questo nuovo obiettivo di Big G, in termini di numeri e di risorsa, vede aumentare la produzione di energia green dal 37 al 60 per cento, quindi un raddoppio rispetto al passato. Una crescita che lo vedrà completare il traguardo dei 2 GW nel decennio che va da quest’anno al 2025. A meno che, viste le numerose risorse di Google, questi non riesca a raggiungere il suo obiettivo anche prima.