buco nero

Un buco nero ha inghiottito (letteralmente) una stella dalle dimensioni paragonabili a quelle del Sole. L’osservazione degli scienziati della Jhon Hopkins ha, però, qualcosa di unico.

Come praticamente tutti i fenomeni che hanno a che fare con il Cosmo anche i buchi neri sono solo osservati da lontano. Poi per la loro massa super densa che li rende in grado di sprigionare una gravità così forte che nulla può resistere alla sua attrazione, nemmeno le stelle.

Ed è proprio una stella, grande come il Sole, quella che è stata inghiottita dal buco nero osservato dagli scienziati della Jhon Hopkins. Un fenomeno, questo, che è davvero raro da osservare e che il team internazionale diretto da Sjoert van Velzen, ha avuto modo di vivere in diretta nell’arco di alcuni mesi.

Un buco nero ha una forza gravitazionale in grado di attrarre qualunque cosa, persino la luce da cui il nome. Questo significa che non meravigli che riesca ad attrarre a sé anche una stella. Il fenomeno che ha dell’eccezionale è dovuto all’osservazione di ciò che è accaduto immediatamente dopo che è avvenuto il lauto pasto. Il buco nero ha sputato fuori un del plasma caldo alla velocità della luce.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come liberare spazio in memoria grazie a questa nuova funzione

Il team diretto da Sjoert van Velzen, della John Hopkins University è riuscito a sintonizzarsi correttamente sul segnale radio prodotto da questo getto di materia. Questi getti espulsi dal buco nero sono stati visti prima, ma non sono mai stati direttamente collegati ad una stella inghiottita – e il fenomeno rimane piuttosto misterioso.

Questi eventi sono estremamente rari“, ha detto l’autore dello studio Sjoert van Velzen in un comunicato. “È la prima volta che vediamo tutto, la distruzione della stella seguita dal lancio di un deflusso conico, chiamato anche jet, e abbiamo osservato lo svolgersi nell’arco di diversi mesi.”

Ci sono ancora tante cose da scoprire sui buchi neri, per fortuna la NASA ha decretato il 27 novembre giorno dei Buchi Neri.