Google Foto
Img: specphone.com

Google ci tiene a non farvi esaurire la memoria del vostro smartphone e del vostro spazio di archiviazione in cloud. Per questo l’ultimo aggiornamento di Google Foto introduce delle nuove funzioni che permettono di liberare spazio 1) rimuovendo fisicamente dal dispositivo le foto già salvate in cloud, 2) effettuando il downgrade delle foto con risoluzione originale alla risoluzione standard di Google (pur sempre ad alta qualità).

Mentre le fotocamere degli smartphone vengono prodotte con sempre più megapixel (e quindi capaci di fare foto sempre più “pesanti”), lo spazio interno dei dispositivi non cresce altrettanto velocemente; ancora oggi la maggior parte dei dispositivi di fascia medio alta offrono uno spazio di archiviazione di 16-32 GB, per non parlare della fascia bassa, dove regnano i 4-8 GB.

A complicare la situazione ci siamo noi utilizzatori che scattiamo foto a raffica tra selfie, foto di cibi, screenshot, eccetera e riceviamo altrettante foto dai nostri amici tramite WhatsApp o Messenger.

Google questo lo ha ben capito e così sta aggiornando Google Foto, galleria fotografica e contemporaneamente servizio di backup in cloud delle foto, con alcune funzioni utili a risparmiare spazio.

Google ti cancella le foto…

La prima di queste è “Libera memoria”; selezionando questa voce nelle impostazioni si dà il permesso a Google Foto di cominciare a cancellare foto… quelle che sono state già oggetto di backup, ovviamente.

Inoltre, se non lo sapete già, Google Foto vi permette di scegliere se fare il backup in cloud delle foto nella risoluzione originale, opzione che va a utilizzare la memoria dell’account fino a esaurimento, oppure se farlo riadattando le foto alla qualità standard di Google (comunque alta qualità) senza limiti di spazio; se vi trovate nel primo caso e state esaurendo lo spazio in cloud, Google Foto, tramite l’opzione “Recupera spazio di archiviazione” (disponibile nelle impostazioni), consente di convertire a posteriori tutte le foto nel formato standard ad alta qualità per guadagnare spazio, anzi, per renderlo appunto illimitato.

Un’altra novità, che in realtà è un bug fix, è quella che permette a coloro che hanno espanso la memoria del dispositivo con microSD di estendere la funzione “Libera memoria” anche alla memoria removibile.

L’aggiornamento è in corso di rilascio e quindi è possibile che queste funzioni non abbiano ancora fatto capolino nella vostra applicazione di Google Foto.

[pb-app-box pname=’com.google.android.apps.photos’ name=’Google Foto’ theme=’discover’ lang=’it’]