instagram
InstaAgent ha violato i dati di migliaia di profili

Sono più di 500 mila gli utenti che hanno visto violato il proprio profilo su Instagram a causa di InstaAgent, un’applicazione presente su Play Store e App Store che prometteva di tenere traccia degli utenti che hanno visitato il nostro profilo sul social network. Dopo lo scandalo, Google ed Apple hanno prontamente rimosso l’applicazione incriminata dai rispettivi store.

È stato uno sviluppatore indipendente, tale Peppersoft, a scoprire l’inghippo. InstaAgent, un’applicazione di terze parti che prometteva di tenere traccia di chi visita il nostro profilo su Instagram, ha raccolto username e password di migliaia di account Instagram e li ha inviati su un server anonimo in forma criptata. Dopo la notizia, Google e Apple hanno prontamente eliminato l’applicazione incriminata da Play Store ed App Store, ma ormai i danni erano già stati fatti.

Più di mezzo milione di account violati

Sono tantissimi gli utenti che, a loro insaputa, hanno visto violato il proprio profilo su Instagram. Il numero di download di InstaAgent varia dai 100  mila ai 500 mila su entrambi gli store e coloro che hanno scaricato e provato quest’applicazione dovrebbero prontamente modificare i propri dati di accesso. L’applicazione è ovviamente un falso, uno di quei fantomatici software che promettono di stilare una lista di tutte le persone che visitano il profilo di qualcuno, come già succede su Facebook e altri social network.

Lo scopo di queste applicazione resta invece quello di registrare quanti più dati possibili, mettendo a serio rischio la privacy degli utenti per scopi pubblicitari o di altro genere. Proprio recentemente è stato condotto uno studio su una serie di applicazioni presenti sia su Android che su iOS ed il risultato è sconcertante: sono tantissime infatti le applicazioni che, proprio come InstaAgent, registrano e condividono i nostri dati senza richiedere l’esplicito consenso.