android
Distribuzione Android novembre 2015

Come di consueto Google ha rilasciato i dati di distribuzione di Android di novembre, mostrandoci i cambiamenti avvenuti nell’ultimo mese nell’adozione del robottino verde sugli smartphone e tablet di tutto il mondo.

La diffusione di Android è sempre stata un serio problema per Google. A differenza di iOS, che gira su pochi selezionati device che ad ogni aggiornamento ricevono l’ultima versione del software, Android è presente su decine di centinaia di modelli diversi, aggiornati dai diversi produttori che spesso e volentieri abbandonano il supporto prima del previsto. Ne risulta dunque una diffusione del sistema operativo frammentata e confusionaria, con vecchie versioni dell’OS che ancora la fanno da padrone sui device di tutto il mondo.

Android Marshmallow fa la sua comparsa nel grafico

November-distribution-numbers1

Nell’ultimo periodo le cose stanno però lentamente migliorando, con le ultime versioni del robottino verde che conoscono una diffusione più veloce rispetto al passato. I dati di distribuzione di novembre vedono apparire infatti per la prima volta Android Marshmallow, installato sullo 0.3% degli smartphone di tutto il mondo. Se pensiamo al fatto che è stato rilasciato appena un mese fa e solo per gli smartphone e tablet della gamma Nexus, si tratta di un risultato abbastanza sorprendente.

Leggi anche:  Portal, in arrivo un nuovo gioco della saga Valve per PC e console

Fa piacere inoltre vedere che Lollipop cresce sempre di più, con un aumento del 2.1% rispetto allo scorso mese. Le caramelle sono infatti installate sul 25.6% dei dispositivi, anche se la versione di Android più diffusa resta ancora la versione 4.4 KitKat, installata sul 37.8% dei device in tutto il mondo. Le vecchie versioni Jelly Bean e Ice Cream Sandwich hanno visto una riduzione nella diffusione dell’1.2% e dello 0.5% rispettivamente, ma la cosa preoccupante è la presenza di Froyo e Gingerbread che non hanno subito alcun calo rispetto alla distribuzione dello scorso mese. Nei prossimi mesi il grafico cambierà ulteriormente con l’arrivo di Marshmallow su altri dispositivi e con l’uscita dei nuovi device che lo installano di serie.