tizen
Tizen, l’OS di Samsung

Tizen, il sistema operativo realizzato interamente da Samsung principalmente per i mercati in via di sviluppo, è diventato il quarto sistema operativo più diffuso al mondo, sorpassando BlackBerry.

Siamo sicuramente ben lontani dai numeri di Android, iOS e anche Windows Phone, ma vista nell’insieme la notizia che vede Tizen al quarto posto tra i sistemi operativi più diffusi al mondo è sicuramente eclatante, considerando quanto poco tempo sia passato dal lancio ufficiale di questa piattaforma. Sviluppato interamente da Samsung, Tizen è un OS studiato per i dispositivi mobili diffusi principalmente nei mercati in via di sviluppo. Con questo sistema operativo il colosso coreano ha cominciato a intraprendere dei piccoli passi verso il distacco totale da Android, che a questo punto potrebbe avvenire di qui a pochi anni.

Tizen più popolare di BlackBerry

Secondo Strategy Analytics il sistema operativo sviluppato da Samsung ha superato ufficialmente BlackBerry nel Q3 2015, che per rientrare nel mercato ha deciso di adottare Android per il suo nuovo BlackBerry Priv. Ben presto Tizen potrebbe conoscere ulteriore diffusione grazie al rilascio del Samsung Z3 in Europa, il primo smartphone con questo OS ad arrivare nel nostro continente dopo il successo delle prime due generazioni in India. Senza andare a scomodare gli smartphone, però, possiamo trovare Tizen su un dispositivo che sicuramente conoscerà più fama qui da noi, ossia il Gear S2, lo smartwatch di Samsung in arrivo nei prossimi giorni anche qui in Italia.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S8: ecco gli ultimi aggionamenti sull'upgrade ad Android Oreo

Per incentivare ulteriormente la diffusione della sua piattaforma, Samsung assicura il 100% dei guadagni agli sviluppatori che andranno a creare applicazioni apposite su questo sistema operativo. Alcuni brand famosi sono infatti già al lavoro per portare le proprie app sulla piattaforma, come per esempio Facebook o VLC. Tizen è un sistema operativo aperto e sicuro e se in così poco tempo ha conosciuto già una tale diffusione, non dovremmo sorprenderci di vederlo sostituire Android sui device di Samsung da qui ai prossimi anni.