htc one a9
HTC One A9

HTC One A9, il nuovo mid-range dell’azienda taiwanese, non convince gli analisti: il dispositivo non sarebbe abbastanza per risollevare le sorti della compagnia, che da ormai troppo tempo sta subendo ingenti perdite.

È ormai da un po’ di tempo che HTC non riesce a risollevarsi dalle perdite di denaro che figurano sui bilanci ad ogni chiusura dell’anno. Gli ultimi top di gamma della serie One hanno fallito nel convincere i vari consumatori, sempre più attratti da colossi del calibro di Samsung o Apple. HTC One M9, uscito quest’anno, si è rivelato un fiasco sotto diversi punti di vista, a partire dal processore utilizzato, lo Snapdragon 810, afflitto da gravi problemi di surriscaldamento. Per questo motivo l’azienda taiwanese ha deciso di puntare su un diverso tipo di mercato, in particolare quello dei dispositivi midrange, ed è con questo obiettivo in mente che la compagnia ha presentato qualche giorno fa HTC One A9, uno smartphone midrange che ricorda per molti versi l’iPhone 6 di Apple.

HTC One A9 non basta per risollevare le sorti dell’azienda

Gli analisti hanno subito analizzato la situazione dell’azienda e sono arrivati alla conclusione che questo HTC One A9 non basta per risollevare le vendite. Il mercato degli smartphone di fascia media è ormai agguerritissimo, grazie ai vari produttori cinesi che riescono ad offrire hardware più performante ad un prezzo sensibilmente più basso. L’HTC One A9 arriverà in Italia al prezzo di 609,90 euro, decisamente troppo se consideriamo la scheda tecnica inferiore rispetto ad altri dispositivi collocati nella stessa fascia di prezzo.

Leggi anche:  HTC U11+: eccolo nella bellissima colorazione Blossom Gold

Ricordiamo che l’HTC One A9 è uno smartphone con display AMOLED da 5 pollici Full HD, 2/3 GB di memoria RAM e 16/32 GB di memoria interna con processore midrange Snapdragon 617 a 64 bit. Questa scheda tecnica, unita ad un prezzo non proprio competitivo, sono due delle variabili che, secondo gli analisti, non permetteranno ad HTC di risollevarsi dopo gli ultimi anni deludenti dal punto di vista del profitto.