paranoid android
Uno dei wallpaper di Paranoid Android

Paranoid Android si è infilata in un vicolo cieco. Sui forum specializzati sono in tanti a chiedersi cosa ne sarà della popolare custom ROM, la cui prima versione è stata presentata all’utenza tre anni fa.

Questo panorama è esploso grazie all’arrivo di Android sui dispositivi mobili ed ha consentito, a persone competenti, di fornire versioni modificate in grado di conferire qualcosa in più a terminali non più supportati dall’azienda produttrice, lasciati al loro destino con ancora numerosi bug. In questo ambiente, Paranoid Android si è affermata, al fianco di progetti molto riusciti come CyanogenMod.

paranoid android

Tante persone hanno lavorato al fine di garantire una buona ROM, diciotto individualità che hanno dedicato molto tempo alla riuscita di Paranoid Android: da chi si occupava delle pubbliche relazioni fino agli sviluppatori, dai designers fino ai fondatori, Jesus David Agudelo e Paul Henschel. In tutto ciò, non va dimenticata la figura del team leader, ruolo ricoperto da Aaron Gasciogne. Quest’ultimo infatti, è stato annunciato come una delle figure portanti dello sviluppo di OxygenOS, la ROM impiegata nei device OnePlus.

Leggi anche:  OnePlus 5T Star Wars Edition, entrate e scaricate gli sfondi ufficiali

Aaron Gasciogne non è l’unico del team Paranoid Android che ha contribuito al lavoro svolto in casa OnePlus; quindi, l’assenza delle persone che l’hanno resa una delle custom ROM più conosciute, ha indotto il progetto ad arenarsi. Uno degli sviluppatori rimasti, Andre Saddler, ha dichiarato recentemente che il progetto è morto, almeno finché i defezionari non termineranno il loro lavoro con OnePlus.

All’interno del team rimasto, non tutti sono così pessimisti; alcuni considerano questo stop come il momento giusto per riordinare le idee, altri ci credono e sperano di rimettersi al lavoro, per riportare Paranoid Android al centro dell’attenzione, entro il prossimo anno. L’ultimo rilascio risale a tre mesi fa, basato su Android Lollipop 5.1, destinato ai device Nexus.

Leggi anche: