facebook
M è l’assistente vocale di Facebook

Facebook è al lavoro su un assistente vocale per Messenger già da un po’ di tempo. Oggi scopriamo nuovi screenshots di questa utility che ci mostrano cosa è in grado di fare questo assistente chiamato semplicemente M, diminutivo di Moneypenny.

La notizia che vede Facebook al lavoro su un assistente virtuale risale alla scorsa estate e alcuni fortunati possessori di iPhone hanno potuto testare in anteprima le funzionalità offerte da Moneypenny, o più semplicemente M. L’assistente vocale del social network blu porta con sé tutte le funzionalità offerte già da Google Now, Siri o Cortana, ma con un tocco ulteriore di umanità nelle risposte.

M è l’assistente virtuale di Facebook

L’assistente sarà disponibile all’interno di Facebook Messenger, da cui potremo fare le nostre domande e richieste ricevendo una risposta istantanea. Gli utenti che hanno potuto provare in anteprima il nuovo M hanno rilasciato in rete alcuni screenshots dell’applicazione: le immagini ci danno un’idea più precisa delle possibilità offerte dall’algoritmo dietro l’assistente vocale, compresa la capacità di intrattenere conversazioni come se si trattasse di una persona reale.

Leggi anche:  Facebook: il social vorrà conoscervi meglio grazie alla nuova fantastica funzione

M potrà fornire informazioni in base alle richieste dell’utente, dal negozio/ristorante più vicino fino alla prenotazione di un aereo direttamente dall’interno di Messenger. Dalle immagini è possibile anche notare il tono più colloquiale delle risposte: l’intelligenza artificiale è in grado di comprendere le parole dell’utente e fornire l’adeguata risposta in tempo reale in maniera diversa da Google Now e decisamente più vicina a Siri di Apple. È ovviamente improbabile che l’assistente vocale abbia un’intelligenza talmente avanzata da riuscire a sostenere conversazioni più complesse, ma è sicuramente interessante vedere il modo in cui Facebook ha intenzione di gestire la cosa.

Attualmente non sappiamo quando questa funzione verrà estesa su larga scala: al momento dobbiamo accontentarci delle immagini qui di seguito e sperare che Facebook non ci faccia attendere troppo.