Sony shop

Sony è una delle più grandi aziende mondiali ma il suo shop online almeno in Italia non è in grado di garantire un buon servizio anzi dopo aver effettuato un acquisto lo abbiamo insignito della medaglia come uno dei peggiori e-commerce nazionali.

I nostri test non si fermano nemmeno sui negozi online e dopo lo scandalo di techmania eccoci a parlare di un altro e-commerce molto più famoso del precedente ma con una politica e una piattaforma davvero pessima. Di chi stiamo parlando? Di Sony che dopo aver aperto le vendite del Sony Xperia Z5 ha dimostrato di non essere all’altezza di gestire gli ordini tramite la sua piattaforma online.

Noi di tecnoandroid.it abbiamo effettuato una prova concreta sul loro e-commerce acquistando uno smartphone Android e più precisamente l’Xperia Z5 Compact il 06/10/2015 anticipando i soldi dello stesso con il metodo di pagamento PayPal. Il processo di acquisto si è concluso nel migliore dei modi arrivandoci anche l’email di conferma e fin qui nulla da obbiettare anzi il tutto è stato semplice e non abbiamo riscontrato difficoltà.

Arrivano i problemi…

Purtroppo ci siamo accorti nell’email che l’indirizzo di spedizione era non corretto (per nostro errore) e abbiamo provato immediatamente a loggarci all’interno di Sony e da qui è sorta la prima sorpresa, infatti, all’interno non è presente nessun pannello di amministrazione del proprio ordine come tutti i comuni negozi di commercio elettronico quindi non è possibile vedere lo stato del pagamento, lo status dell’ordine e nemmeno quello della spedizione. Incredibile anche che per annullare l’ordine non sia presente l’apposito tasto.

Leggi anche:  Sony Xperia XZ2 premium, i rumors ci danno sempre di più un'idea di come sarà

Subito siamo andati nella sezione contattaci e abbiamo scoperto che è presente sia la chat che la numerazione a pagamento. Optiamo per la chat e l’operatrice dopo averci chiesto moltissime informazioni sul nostro ordine (forse nemmeno loro hanno accesso ai database) ci ha detto che bisognava contattare il numero a pagamento per modificare l’indirizzo di spedizione.

Da questo momento parte il calvario, infatti, chiamando il numero a pagamento veniamo reindirizzati al reparto competente che ci conferma che per cambiare l’indirizzo dobbiamo fare con loro una procedura particolare che potrebbe non funzionare e ci consiglia di annullare l’ordine attraverso di loro e farne uno nuovo ricevendo nel giro di poche ore il rimborso PayPal.

Aspettiamo qualche giorno e ne l’ordine viene cancellato ne arriva il rimborso. Fortunatamente il 07/10/2015 arriva l’annullamento ma dei soldi ancora nulla. Contattiamo nuovamente Sony che cambia versione dei fatti dicendo che il rimborso sarebbe stato fatto entro 10 giorni e che se volevo potevo effettuare un nuovo ordine mettendo nuovamente 600 € di tasca nostra.

In conclusione Sony anche avendo budget da capogiro non è stato in grado di realizzare un’e-commerce a misura di uomo anzi anche l’assistenza non riesce a gestire gli ordini effettuati tramite sito.

Aggiornamento

15/10/2015 – Il rimborso è stato completato