google
Google e il progetto Pagine-per·dispositivi·mobili·accelerate

Google vuole velocizzare il caricamento delle pagine web sui dispositivi mobili e per farlo ha avviato una collaborazione con diverse compagnie di tecnologia e non.

La navigazione web sui dispositivi mobili come smartphone o tablet spesso risente del segnale della rete WiFi o cellulare e potrebbe capitare di ritrovarsi davanti a caricamenti delle pagine infiniti in caso di segnale scarso. Google ha per questo motivo avviato una collaborazione con diversi publishers e compagnie di tecnologia e ha avviato il progetto AMP, Accelerated Mobile Pages Project.

Il progetto Pagine per dispositivi mobili accelerate si prefigge l’obiettivo di migliorare drasticamente il caricamento delle pagine web tramite navigazione mobile. Questa nuova tecnologia si basa su un open framework già presente sulle vecchie tecnologie web. Con AMP sarà però possibile creare pagine molto più leggere di quelle precedenti, senza rinunciare a nulla. I vari publishers potranno quindi continuare a monetizzare grazie alla pubblicità, mentre l’utente non perderà nulla a livello visivo durante la navigazione. Google afferma che le pagine web saranno uguali in tutto e per tutto a quelle che erano in precedenza, ma il motore all’interno sarà molto più leggero e quindi molto più veloce nel caricamento.

Leggi anche:  YouTube, la versione 12.44 introduce una feature dedicata ai device 18:9

Al momento questo progetto copre pochissimi domini web ma Google ha intenzione di estenderlo in futuro su tutti i suoi servizi, e magari in futuro diventerà lo standard per tutti i siti web. Tra le compagnie interessate a collaborare con il colosso di Mountain View troviamo Twitter, WordPress, LinkedIn, Pinterest e Adobe.

Potete avere un assaggio del modo in cui funziona questo progetto tramite il video a fine articolo, o provarlo in prima persona visitando una di queste pagine web direttamente dal vostro smartphone o tablet. Notate qualche differenza nel caricamento?

g.co/ampdemo – fashion – mars – syria – nytimes