htc
HTC vuole risalire la china con nuovi device mid-range

HTC è sicuramente il produttore Android che più sta soffrendo la competizione e la crisi. L’azienda spera di riuscire a ritornare in profitto vendendo nuovi dispositivi, in particolare smartphone di fascia media, ma non solo.

Il 2015 non è stato un buon anno per HTC. Il One M9 è stato un fiasco sotto ogni punto di vista, a partire dalle vendite e finendo ai problemi di surriscaldamento dovuti all’impiego dello Snapdragon 810. L’azienda non è riuscita in qualche modo a competere con i rivali sempre più agguerriti, soprattutto LG e Samsung, e ha registrato negli ultimi mesi una perdita di 138 milioni di dollari. La strategia nel prossimo futuro è semplice: nuovi dispositivi e un’offerta più ampia per il consumatore.

Nei prossimi mesi arriverà per esempio HTC Vive, il primo visore per la realtà virtuale che l’azienda spera potrà riuscire ad attrarre nuovi consumatori. Ma quello su cui il produttore punterà maggiormente nei prossimi mesi è il mercato mid-range. Nel panorama Android soltanto produttori come LG e Samsung riescono davvero a vendere dispositivi high end e a trarne profitto e per questo motivo HTC si discosterà dai grandi big cercando di offrire una rosa più varia di smartphone di fascia media. Questo non vuol dire che gli smartphone top di gamma smetteranno di esistere, tutt’altro. HTC ha già presentato qualche giorno fa il Desire 728, un altro dispositivo mid-range pensato per ora solo per il mercato orientale, ma ulteriori novità sono in arrivo.

Leggi anche:  EL MIX 2 è la rivoluzione in campo rugged grazie al suo display in 18: 9

Il prossimo 20 ottobre l’azienda terrà una conferenza in cui si vocifera verrà presentato l’HTC One A9, che secondo i rumors sarà appunto uno smartphone per il segmento medio del mercato. Il dispositivo dovrebbe essere dotato di un display AMOLED da 5 pollici, il nuovo processore Snapdragon 617, due fotocamere da 13 e 5 megapixel e, a sorpresa, Android Marshmallow. Non si sa nient’altro su questo smartphone, neanche il prezzo di vendita, ma trattandosi di un device di fascia più bassa costerà sensibilmente meno (si spera) rispetto al One M9 o M9 Plus.

A differenza di un colosso come Samsung, HTC non possiede le stesse capacità finanziarie o lo stesso budget per la promozione dei propri prodotti, che anche se di qualità spesso vengono surclassati in visibilità da un Galaxy a caso. La compagnia è più che decisa a non vendere la società: speriamo che questa nuova strategia di mercato possa far ritornare in crescita l’azienda taiwanese!