Microsoft
Account Microsoft a rischio

Navigando sul web, se pensate che i protocolli HTTP possano garantire la sicurezza sappiate che non è sempre così. I dati degli account degli utenti chi si connettono alle pagine di Microsoft potrebbero essere recuperati facilmente.La scorsa settimana un blog di Pechino ha annunciato la notizia che i siti Microsoft potrebbero non essere sicuri e malintenzionati possono agire per rubare i dati degli account di Outlook.com o OneDrive.com.

Sembrerebbe infatti che un identificatore univoco chiamato CID attiva una ricerca del Domain Name Service con l’indirizzo del server di archiviazione che contiene i dati del profilo. Di conseguenza, potrebbe essere utilizzato per monitorare gli utenti quando questi si collegano a servizi sia da computer che dispositivi mobili.

Il CID può essere sfruttato per recuperare immagini del profilo dell’utente, scoprire il nome visualizzato, capire quando è stato creato un account, rubare informazioni associate con l’applicazione Calendario live, compresa l’ubicazione dell’utente.

Sul web la sicurezza dei dati degli utenti è sempre a rischio e in questo caso ad essere incriminati sono piattaforme importanti come Outlook.com o OneDrive.com. Microsoft non molto tempo fa è stata anche accusata di ledere la privacy dei consumatori con Windows 10, un sistema ritenuto troppo invasivo per l’utente.

Leggi anche:  Surface Phone: Microsoft al lavoro su un device con Snapragon 845?

Microsoft è stata contattata in merito alla vulnerabilità degli indirizzi HTTP e un portavoce della società ha dichiarato che l’azienda è a conoscenza del problema e sta lavorando per risolverlo. Vi terremo aggiornati non appena avremo le risposte.